Lunedì, 23 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Regione Puglia: presentato in Consiglio il catalogo dell'Archivio storico dello spettacolo in Puglia

L'Archivio è una vetrina della storia intellettuale e artistica della regione: racconta la storia dello spettacolo in tutte le sue articolazioni dalla seconda metà del ‘900

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 27/11/2015 da Redazione

Sì a un soggetto unico per la gestione delle attività di spettacolo in Puglia e sì alla ricostruzione dei teatri, ma le strutture devono vivere: i contenitori vanno riempiti di contenuti. L’occasione per il presidente del Consiglio regionale Mario Loizzo di soffermarsi sulle prospettive delle attività di promozione culturale nel settore teatrale, cinematografico  e musicale è stata la presentazione del volume "L'Archivio storico dello spettacolo in Puglia", ricerca di Maria Abenante e Donato Pasculli sui fondi custoditi dalla Teca del Mediterraneo, la biblioteca multimediale consiliare.
Ben vengano accorpamenti e sinergie, per superare la frammentazione, aiutare a migliorare la qualità del prodotto culturale e dare respiro economico a protagonisti delle attività sceniche che vivono difficoltà di non poco conto per esprimere la loro creatività. È quello che ha fatto presente il presidente Loizzo, che si è dichiarato disponibile a verificare insieme al presidente della Giunta regionale la possibilità di costituire una struttura diventi una ‘regia’ centrale delle varie iniziative culturali, ora seguite da Pugliamopromozione, dal Teatro Pubblico, da Apulia Film Commission. 
C’è inoltre da salvaguardare gli sforzi fatti per ricostruire diversi teatri cittadini, che dovranno proporre costantemente forme di spettacolo al pubblico, per non rischiare di compromettere tutti gli interventi di recupero della Regione, dal momento che le strutture inattive sono condannate ad un nuovo degrado. Nuova vita ad un patrimonio di strutture teatrali, che nate in gran parte per iniziativa privata, hanno prima ospitato l’opera, poi la prosa e successivamente sono stati declassati a cinema, prima di decenni di  abbandono.
Presentato da Loizzo, con la direttrice di Teca Daniela Daloiso, la prof.ssa Maria Grazia Porcelli dell’Università di Bari, la soprintendente archivistica per la Puglia e Basilicata Maria Carolina Nardella e il prof. Nicola Scardicchio del Conservatorio musicale barese “Piccinni”, il volume offre la prima descrizione sistematica delle raccolte dell'Archivio storico dello spettacolo in Puglia, avviato già nei primi anni ‘90 e realizzato nell'ultimo decennio dalla Biblioteca del Consiglio regionale. Contiene l'inventario di parte dell'Archivio "Nicola Marrone" e di raccolte biblio-documentali pubblici e privati, tra i quali documentazione del CUT Bari, i fondi "Nicola Saponaro", "Antonio Quaranta" e quello musicale "Cifarelli Germano".
L'Archivio è una vetrina della storia intellettuale e artistica della regione: racconta la storia dello spettacolo in tutte le sue articolazioni dalla seconda metà del ‘900.
In  conclusione, Bepi Acquaviva ha brevemente annunciato gli obiettivi del progetto "Platea", che cerca di avvicinare offerta e domanda di spettacolo dal vivo in Puglia; perché “senza spettatori il teatro è destinato a non andare lontano”.



loading...