Venerdì, 20 Maggio 2022 - Ore
Facciamo Notizie

"Omaggio ad Antonio Rossano" oggi all'Abeliano

Un tributo alla memoria di un giornalista vero e raffinatissimo

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 26/03/2014 da Redazione
“Ricorderemo insieme un galantuomo, un professionista stimato, uno scrittore raffinato, un amico pronto all’ascolto, sempre con il sorriso. Antonio Rossano ci manca da tre anni, ma la sua storia il suo peso culturale ed umano è con noi sempre”. Sono queste le parole del Presidente UCSI di Puglia Enzo Quarto che introducono l’invito al pomeriggio speciale che oggi alle 18.30, nel nuovo Teatro Abeliano, renderà omaggio alla memoria di Antonio Rossano, giornalista e scrittore vero e raffinatissimo.
Filo conduttore dell’incontro saranno le testimonianze ed i ricordi accompagnati dalle atmosfere e dalle emozioni che Rossano amava di più: la lirica e il teatro.
Vito Signorile e Costantino Foschini saranno i conduttori di “Omaggio ad Antonio Rossano” e l’attore Francesco Tammacco proporrà una parte dei monologhi teatrali che Rossano ha scritto per un altro suo grande amico: Giorgio Aldini, anche lui scomparso negli stessi giorni tre anni fa.
L’appuntamento prevede anche un tributo al Festival della Valle d’Itria a cui Antonio Rossano ha dedicato grande attenzione ed amore professionale per molti anni. In collaborazione con docenti e allievi dall'Accademia del Belcanto "Rodolfo Celletti" istituita all'interno della Fondazione Paolo Grassi si esibiranno: M° Ettore Papadia, pianoforte; Lucia Conte, soprano; Rosaly Caiazzo, mezzosoprano; Roberto Cervellera, tenore; Antonia Valente, pianista.
Antonio Rossano rappresenta senza dubbio la storia del giornalismo pugliese. Nei suoi 40 anni di "umile lavoro" (così li definiva) è stato capocronista della Gazzetta del Mezzogiorno nel periodo 73-'78, quinquennio di grandi fermenti interni, culminati nella edizione speciale della Gazzetta del Mezzogiorno sull'assassinio di Benedetto Petrone, che valse a Rossano e a tutta la redazione della cronaca, il premio Senigallia Cronista dell’anno, nel '78.
Nel '75 aveva ricevuto il premio giornalistico Saint-Vincent. Nel '79 Rossano entrò nella sede Rai di Bari dove diventò inviato speciale. Rossano è stato autore di testi teatrali e saggi pubblicati da diverse case editrici. Anche per questa attività ha ricevuto numerosi premi, tra i quali Il Campione d’Italia per il Teatro nel '76 e il premio Nuovo Mezzogiorno per la saggistica. Per 15 anni è stato docente presso l’Università di Bari.


loading...