Mercoledì, 5 Agosto 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il ministro Franceschini bloccato a Roma: la presentazione del piano per la Cultura della Città metropolitana slitta a settembre

Impegni istituzionali hanno impedito la presenza del ministro dei Beni e delle Attività Culturali. La data fissata per la presentazione è il 21 settembre prossimo

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 20/07/2015 da Giuseppe Bellino
Un documento aperto per proporre nuove strategie culturali per il futuro. È questo l’obiettivo della presentazione della bozza del Piano per la cultura della Città metropolitana del Pd, che avrebbe dovuto tenersi  domani 21 luglio all’Hotel Parco dei Principi di Bari, ma è saltata per alcuni impegni istituzionali del ministro dei Beni e delle Attività culturali Dario Franceschini. L'appuntamento è stato rinviato al 21 settembre prossimo.  All'incontro avrebbero dovuto partecipare, oltre al ministro Franceschini, anche l’assessore regionale alla Cultura, Gianni Liviano, il segretario provinciale del Pd, Ubaldo Pagano e i referenti del settore, Luigi Fuiano e Pietro Montefusco. Il documento presenterà le riflessioni maturate all’interno del partito che verranno proposte alla Regione sotto forma di suggerimenti. Importante potrebbe essere la sinergia tra i comuni della città metropolitana: un’intesa di questo tipo, affiancata alla formazione di distretti in cui prendere decisioni comuni, permetterebbe di abbattere i costi e favorirebbe un programma culturale comune.
Gli enti come Regione o Città Metropolitana potrebbero creare le basi per un rapporto tra gli operatori culturali e i privati. Un significativo passo in avanti su questo argomento è stato compiuto dal governo centrale con l’Art Bonus: si tratta di un sistema di incentivi fiscali diretti ad un privato che decide di elargire donazioni all’arte e in generale ai Beni culturali pubblici. Il credito di imposta definito è del 65% e sarà detraibile in 3 anni.
Insomma, la cultura si fa soprattutto guardando i conti ed è necessaria una normativa di settore che tenga conto delle operazioni della finanza pubblica.
Il piano verrà presentato dal segretario provinciale Ubaldo Pagano, colui che ha dato l’input principale per la realizzazione del progetto, in attesa di un riscontro positivo da parte della Regione Puglia e della Città Metropolitana. L'appuntamento con le strategie culturali del Partito Democratico è soltanto rimandato a settembre.