Domenica, 17 Gennaio 2021 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

DAB, al via la stagione di danza contemporanea del Comune di Bari: in scena 18 spettacoli

Gemma del cartellone sarà la straordinaria venuta del Balletto dell’Opera di Tirana, il 26 aprile, con la regia e coreografia di Angelin Preljočaj,

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 19/12/2017 da Redazione

Dodicesimo anno per DAB, Danza a Bari, la stagione di danza contemporanea del Comune di Bari realizzata dal Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con Teatri di Bari e AltraDanza. L’edizione 2018 parte l’11 gennaio con Zappalà Danza, I Am Beautiful, per poi svilupparsi per diverse produzioni, 18 in tutto, 4 delle quali anticipate alla stampa già qualche mese fa: l’AterBalletto, 1 febbraio, con Golden days, su musiche di Tom Waits, Patti Smith, Keith Jarrett, in abbonamento; il 7 marzo Spellbound Contemporary Ballet  in Rossini ouvertures, coreografia e regia Mauro Astolfi (pochissimi posti ancora liberi). E il 22 marzo: Virgilio Sieni con Cantico dei cantici.

Dab si presenta come una vetrina d’eccellenza attraverso la quale conoscere bene quali sono i lavori più significativi del contemporaneo, attraverso anche alcuni canali che attraversano competenze, scelte, circuiti e reti del sapere la danza: Network Anticorpi XL, DAB_Esplorare, Generazione Contemporanea, progetto Libero Corpo di Bisceglie, fino al Network Internazionale Danza Puglia. Tutti i lavori saranno anche introdotti e approfonditi, prima degli spettacoli, da speech, conferenze di critici ed esperti, per rendere la danza quanto più intellegibile sia al pubblico che agli stessi operatori.

Non si rinuncia all’anima di Dab di dare spazio agli autori emergenti come Olimpia Fortuni, Francesco Colaleo e Maxime Feixas, provenienti dalla selezione 2018 della vetrina Giovane Danza d’autore XL e Daniele Albanese che a gennaio presenterà la sua ultima creazione, VON, insieme alla debordante R.OSA di Silvia Gribaudi, che vede in scena la straordinaria Claudia Marsicano, Premio UBU 2016 come nuova attrice under 35.

Di sicuro gemma del cartellone quest’anno è la straordinaria venuta del Balletto dell’Opera di Tirana, il 26 aprile, con la regia e coreografia di Angelin Preljočaj, intervento sostenuto con fondi Regione Puglia FSC 2014_20-Assessorato industria turistica e culturale. Ballerino e coreografo di danza contemporanea francese,  Preljočaj è di origine albanese; dagli studi classici all’approccio con il contemporaneo con Merce Cunningham a New York, ha diretto e creato alcune tra le più importante performance di danza contemporanea internazionale. Sarà un suo grande affresco che aprirà la Festa della Danza, momento conclusivo dell’edizione 2018, composto da due balletti “Noces (il matrimonio)” e “La Stravaganza”, segmenti del repertorio di TKOBAP nati dalla collaborazione di Preljočaj e la sua compagnia "Ballet Preljocaj”, centro coreografico nazionale in Provenza.

Sempre per la Festa della danza (26-27-28 e 29 aprile Giornata Mondiale della Danza): il riallestimento di Erodiade-fame di vento, di Julie Ann Anzilotti, nell’ambito del Progetto Ric.ci diretto da Marinella Guatterini, che da anni lavora alla ricostruzione delle coreografie italiane più rappresentative degli anni 80-90; Sud, ultima creazione della barese Simona  De Tullio, Everything is ok, di Marco D’Agostin, Come back to Italy, nuovissimo trittico di Altradanza che debutta in prima nazionale. Uno spettacolo per DAB KIDS, dedicato ai più piccoli, l’8 e il 9 aprile, Sosta Palmizi, Con Naso all’insù, di Giorgio Rossi, in matinée, alle 10,00.

 Tra i pugliesi, Giulio De Leo con Compagnia Menhir, Equilibrio Dinamico di Roberta Ferrara, in prima nazionale con la sua ultima creazione, Maristella Tanzi di Qualibò. Inizio spettacoli ore 21.30.

 

“Tutta la Puglia spinge verso una attività di eccellenza sulla danza – ha dichiarato l’assessora regionale Loredana Capone -.. Teniamo conto che noi abbiamo due accademie in Puglia che sono sostenute anche dal fondo per lo spettacolo nazionale FUS e abbiamo numerosi spettacoli allestiti, con un incremento di pubblico. Quello che vogliamo fare è potenziare sempre più gli interventi, tenendo conto che è finalmente giunta la normativa sulla danza all’interno del Codice dello Spettacolo. Anche la Regione spinge verso una professionalizzazione del settore, anche per mantenere qui i talenti che oggi sono selezionati per le accademie di tutto il mondo e che è giusto che trovino spazio anche nei nostri meravigliosi contenitori culturali. Insomma, un lavoro sulla danza che qui a Bari ha un ottimo riscontro ma che vogliamo far diventare sempre di più patrimonio pugliese”.



loading...