Domenica, 8 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'La democrazia dei luoghi', al Parco dell'Alta Murgia il convegno promosso da Società dei territorialisti e PNAM

L'evento si propone di costruire un quadro concettuale e d’azione capace di confrontarsi con le difficoltà di definire temi come la “comunità"

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 15/11/2018 da Redazione

Parte oggi la tre-giorni dedicata a “La Democrazia dei Luoghi. Azioni e forme di autogoverno comunitario”: il sesto convegno della Società dei/lle Territorialisti/e ONLUS, organizzato in collaborazione con il Parco Nazionale dell’Alta Murgia.
Il convegno si propone di costruire un quadro concettuale e d’azione capace di confrontarsi con le difficoltà di definire temi come la “comunità”. Attraverso le esperienze in fieri e le dinamiche aperte vuole mettere in luce i caratteri, la diffusione e la capacità generativa di luoghi che possono contrastare il dominio dei flussi globali.
La SdT e il PNAM si interrogano su come affrontare le difficoltà verso l’avanzamento di questi processi per proporre un radicale rinnovamento della democrazia rappresentativa verso la crescita della democrazia dei luoghi.
La prima giornata del convegno, che si apre a Bari presso l’ex complesso monastico “Santa Teresa dei Maschi” e prosegue a Ruvo di Puglia, è dedicata soprattutto alla conoscenza di alcune buone pratiche in corso nel contesto locale attraverso visite guidate e un confronto con i soggetti che le conducono.
La seconda e la terza giornata, invece, si terranno a Castel del Monte: venerdì 16 novembre, vedrà un confronto fra mondo della ricerca e soggettività sociali che animano tante esperienze di democrazia di luoghi. In questo ambito, i laboratori paralleli mirano a produrre nuove conoscenze e narrazioni utili a qualificare il dibattito culturale e scientifico e a mettere in luce strategie d’azione per il rinnovamento degli istituti di democrazia.
Sabato 17 novembre, infine, sarà destinato ad approfondire i temi trattati nei laboratori e sviluppare alcune riflessioni sulle questioni alla base del convegno.