Domenica, 9 Agosto 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Giochidartista', le opere di Annamaria Suppa in mostra alla Galleria BLUorG di Bari

La mostra offre una via efficace per uscire da recinti elitari e autoreferenziali ed instaurare un dialogo con lo spettatore che promuova un atteggiamento partecipativo

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 15/03/2017 da Redazione

Si inaugura il 17 Marzo alle ore 19 presso la Galleria BLUorG, “Giochidartista”, mostra personale di Annamaria Suppa, a cura di Antonella Marino.

L’arte come gioco e il gioco come mezzo per conoscere l’arte. Si fonda su questa tautologia incrociata l’ultima, impegnativa, operazione artistica di Annamaria Suppa. L’artista barese, una lunga carriera alle spalle, ha deciso infatti di mettersi letteralmente in gioco, rinunciando in parte all’autorialità singola per aprirsi agli altri, coinvolgendoli in un processo di interazione divertente ma colto, istruttivo e liberatorio insieme.

L’approccio ludico di Annamaria Suppa tiene conto delle valenze conoscitive, su una linea già tracciata da Kant; sviluppata in chiave cognitivo-pedagogica da Piaget; ed estesa a sorgente stessa della cultura da Huizinga, per il quale il gioco andava considerato “il centro di propulsione di tutte le attività umane”, arte compresa. Il ricorso ad essa è dunque utile da un lato a sviluppare le facoltà creative, sollecitando il movimento libero dell’immaginazione. Dall’altra a favorire metodi di apprendimento non gerarchici e coercitivi.

Ma soprattutto offre una via efficace per uscire da recinti elitari e autoreferenziali, ed instaurare un dialogo con lo spettatore che promuova un atteggiamento partecipativo. E’ un’esperienza già sperimentata tra avanguardie storiche e neoavanguardie (Fluxus in particolare). Ma intercetta un’esigenza oggi sempre più sentita, in epoca di interattività tecnologica come risposta al solipsismo del fare virtuale. Suggerendo un’idea di arte come attività capace di promuovere forme più fluide di pensiero e inedite modalità di relazione. Esempio indispensabile anche per la costruzione di nuovi modelli di identità sociale e di convivenza civile.