Martedì, 11 Dicembre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Agis Puglia e Basilicata scrive alla ministra Lezzi: 'Rimodulare fondi destinati al sistema turistico-culturale'

Il presidente Giulio Dilonardo: 'La rimodulazione permetterebbe di avere una maggiore disponibilità di 30 milioni di euro in favore del sistema'

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 13/11/2018 da Redazione

Il Presidente di Agis Puglia e Basilicata, Giulio Dilonardo, ha inviato alla ministra per il Sud, Barbara Lezzi, e ai parlamentari del Movimento 5 Stelle, una lettera ufficiale per la rimodulazione dei fondi FSC 2014 – 2020 destinati al sistema turistico-culturale della Regione Puglia.

La lettera fa seguito a quella inviata al Ministro Lezzi, dal Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, nella quale il Governatore pugliese ha chiesto la rimodulazione delle risorse assegnate attraverso il Fondo Sviluppo e Coesione nell’ambito del “Patto per la Puglia”.     

 

"Ci preme evidenziare  - scrive Dilonardo - come tale rimodulazione consentirebbe, a saldi invariati e senza nuovi oneri a carico dello Stato, di avere una maggiore disponibilità di 30 milioni di euro in favore del sistema turistico - culturale delle nostra regione. Le risorse del FSC 2014-2020 si sono rivelate vitali per il settore dello Spettacolo che Agis rappresenta (imprese Spettacolo dal Vivo Teatro, Musica e Danza, Spettacolo viaggiante, Esercizio Cinematografico, Produzione cinematografica indipendente) e hanno consentito alle imprese culturali di portare avanti e proporre nuove iniziative culturali nonché di recuperare e valorizzare luoghi destinati allo spettacolo, con evidenti ricadute sulla crescita sociale, culturale, economica e occupazionale nei vari territori della regione”. 

 

Vincenzo Cipriano, presidente Settore Spettacolo dal Vivo di Agis Puglia e Basilicata ha aggiunto: "Occorre sottolineare che le risorse non debbano essere indirizzate esclusivamente alle partecipate regionali, ma anche alle imprese di settore, e che i fondi per le attività culturali non debbano essere considerati spese ma investimenti, basti pensare che per ogni euro investito in cultura ne ritornano ben 5".    



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet