Mercoledì, 15 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Anteprime, novità e sociale: il festival 'Del Racconto, il Film' torna nelle piazze pugliesi

L'unica manifestazione capace di unire cinema, letteratura e sociale andrà in scena dal 18 giugno al 31 luglio a Bari, Bitonto, Giovinazzo, Molfetta e Polignano a Mare

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 13/06/2016 da Giuseppe Bellino

Venticinque appuntamenti, sette film in anteprima e tre nuovi comuni pugliesi coinvolti. Sono queste le novità della settima edizione del festival “Del Racconto, il Film”, l’unica manifestazione capace di unire cinema, letteratura e sociale.

Presentazioni di libri, proiezioni, attori, scrittori e uomini e donne del Sociale animeranno le piazze e i castelli pugliesi dal 18 giugno al 31 luglio prossimo. Cinque le città coinvolte:  Bari e Bitonto, che già negli anni precedenti hanno ospitato il festival, insieme alle new entry Bitonto, Giovinazzo, Polignano a Mare e Molfetta.

Per la prima volta il festival “Del Racconto, il Film” collaborerà con i Festival del Libro Possibile e il Vino Possibile, Apulia Film Commision e Teatro Pubblico Pugliese. Per l’occasione dal 6 al 9 luglio e dal 22 al 24 luglio i film in programma saranno proiettati nella suggestiva location di Lama Monachile.

“Anche quest’anno abbiamo scelto di osare – ha spiegato Giancarlo Visitilli, direttore artistico  del festival e presidente dell’associazione ‘I bambini di Truffaut’ – inserendo nel programma film che affrontano temi sociali ma che sono poco proiettati nelle nostre sale cinematografiche”.

“Il trinomio Cinema-Letteratura-Sociale che contiene questa manifestazione – ha dichiarato Aldo Patruno, direttore dipartimento turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio Regione Puglia -  apre la cultura ad una visione più ampia. La sinergia dei vari soggetti del sistema regionale, come in questo caso, valorizza le attività sul territorio già consolidate. Il tema dell’integrazione è la grande sfida sulla quale noi intendiamo giocare la partita del piano strategico del turismo”.

Il festival si concluderà con la Notte Bianca, in scena il 31 luglio a Bitonto. La giornata finale sarà una grande festa dedicata ai cineasti pugliesi, nazionali ed internazionali che durante un’intera nottata presenteranno i loro lavori al grande pubblico.


Il programma

Il festival si aprirà il 18 giugno a Bitonto con la proiezione del film ‘Non essere cattivo’ del grande Claudio Caligari e la presentazione del libro ‘L’Estraneo’ di Tommaso Giagni.  Entrambe le opere indagano sul rapporto mai risolto tra periferia e centro affrontando la condizione dell’uomo contemporaneo. Tra le anteprime spiccano ‘Arianna’ di Carlo Lavagna, opera prima censurata in quasi tutta Italia che racconta la storia di una diciannovenne alle prese con la sua vera identità sessuale, e ‘Fair Play: giocare secondo le regole ha sempre un prezzo’ di Andrea Sedláčková, che svela i meccanismi distorti dello sport attraverso una storia di doping. Il tema della sessualità sarà ripreso in occasione dell’anteprima di ‘Uomini Proibiti’ di Angelita Fiore, un film sul celibato ecclesiastico in tour in varie province italiane. Grande attesa per gli incontri con Giordano Meacci, candidato al Premio Strega 2016 con il suo ‘Il cinghiale che uccise Liberty Valance’ e Salvatore Striano, scrittore ed ex detenuto che ha dedicato il suo libro ‘Teste Matte’ alla sua vita sbagliata. Il programma dedica anche una lezione di letteratura italiana dedicata all’autore Giorgio Bassani in occasione del centenario della sua nascita. All’incontro, curato e condotto da Lea Durante, seguirà la proiezione del film ‘La macchinazione’ di David Grieco, dedicato a Pier Paolo Pasolini.