Mercoledì, 13 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Nuovo doppio appuntamento per il week end sul palco del Teatro Kismet OperA di Bari

In scena 'La grande magia' e 'I love Frankenstein'

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 13/03/2015 da Redazione
Una scena de 'La grande magia'
Un nuovo doppio appuntamento per il week end sul palco del Teatro Kismet OperA di Bari: sabato 14 marzo per la stagione serale “Corpo a corpo” la compagnia Le Nuvole porta in scena “La grande magia” di Eduardo De Filippo, adattamento e regia Rosario Sparno, con Luca Iervolino, Antonella Romano e Rosario Sparno (sipario h 21.00); domenica 15 marzo alle 18.00 continua la stagione “Famiglie a teatro” con lo spettacolo “I Love Frankenstein” della compagnia Eccentrici Dadarò. (biglietti al botteghino del Teatro Kismet; al box office Feltrinelli, al box office Officina degli Esordi e sul circuito booking show; info www.teatrokismet.org e 080.579.76.67 – 335.805.22.11).


“La Grande Magia” è un doveroso omaggio al maestro del teatro italiano Eduardo De Filippo. Lo spettacolo nasce dalla collaborazione tra “Le Nuvole” e il Teatro Stabile di Napoli, adattato e diretto da Rosario Sparno che ne è anche uno dei protagonisti in scena. L’opera di Eduardo incentrata sul tema dell’illusione e della magia racconta la storia di Calogero Di Spelta, uomo materialista, accecato dalla gelosia e dalla paura di conoscere se stesso, che durante un gioco di prestigio del professor Otto Marvuglia, vedrà sparire sua moglie. In realtà lei, stanca delle ossessioni del marito, fugge con il suo amante. La gelosia e la paura offuscano la mente dell’uomo che, con l’aiuto del professore-mago, sostituirà la moglie con una scatola capace di contenerla per sempre. Egli, per non vedere l’abbandono della moglie, ha bisogno di partecipare per anni a un “gioco di illusione”, guidato dal mago ormai amico.

“I love Frankenstein”, con Rossella Rapisarda e Davide Visconti, regia Fabrizio Visconti, è un classico della letteratura riletto per i ragazzi, giocando con l’avventura del testo nelle sue diverse sfaccettature. Una storia modernissima, in cui si alternano colpi di scena a rotazione, momenti di suspance, momenti commoventi, comici, temi importanti come la fame di conoscenza, il bisogno di amore e di comprensione, la necessità di non essere giudicati dalle apparenze, la responsabilità per le proprie azioni.

Dopo lo spettacolo, sabato 14 marzo, la compagnia si fermerà nel foyer del teatro per un incontro con il pubblico cui interverranno il critico Nicola Viesti e la direttrice artistica del Teatro Kismet OperA Teresa Ludovico.