Mercoledì, 23 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Nomi e cognomi', al cinema 'lezione di coraggio' con Lo Verso, Cuccinotta e Stornaiolo

Il 14 maggio esce nelle sale di tutta Italia il film di Sebastiano Rizzo

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 12/05/2015 da Redazione

E' dedicato ai giornalisti e ai cronisti che hanno pagato con la vita il rispetto dell’etica professionale, il primo lungometraggio di Sebastiano Rizzo dal titolo 'Nomi e Cognomi' interpretato da Enrico Lo Verso e Maria Grazia Cuccinotta. Nel cast, tra i protagonisti, anche Antonio Stornaiolo.
La storia è quella drammatica di Domenico Riva in cui si racconta il lato triste di un'Italia in cui la criminalità organizzata tiene ancora sotto scacco l’informazione. Il messaggio però è quello di speranza, di condivisione e collaborazione, soprattutto quando l’obiettivo da raggiungere è nobile e giusto.
"Nomi e cognomi" prende spunto da un cortometraggio che il regista Sebastiano Rizzo ha dedicato alla figura di Giuseppe Fava, giornalista catanese ucciso dalla Mafia nel gennaio del 1984, e che è stato pluripremiato nei Festival Europei.
"L’esperienza di questo film bellissimo" – ha detto Enrico Lo Verso – "è stata una specie di risarcimento per chi, semplicemente facendo il proprio mestiere, ha pagato un prezzo troppo alto. Con una storia così dovevamo essere puliti e chiari, evitare ogni caratterizzazione. Non è la prima volta che lavoro in un film sulla Mafia, ma qui faccio il buono invece del cattivo. Fare il buono è più impegnativo che fare il cattivo. I cattivi sono più divertenti e sono sempre da soli. I buoni sono circondati da personaggi che soffrono con loro. I buoni hanno responsabilità, devono consegnare un testimone, che qui è il testimone della verità. Il bello di questo mestiere è poter continuare a giocare ai cowboy e agli indiani come si faceva da bambini. Una volta fai l’indiamo, l’altra il cowboy".
"A convincermi ad accettare il ruolo - ha detto Lo Verso - è stato il fatto che Sebastiano avesse girato un corto su Pippo Fava, che era di Siracusa. Io sono cresciuto a Siracusa e rammento che il primo spettacolo al chiuso che ho fatto era basato proprio su un testo di Pippo Fava. Il mio primo personaggio vero è stato inventato da lui".
Prodotto dalla Draka Production di Corrado Azzollini e distribuito dalla Draka Distribution (prima e unica distribuzione cinematografica pugliese).