Martedì, 16 Luglio 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Attesa per #Bif&st2015, ecco il programma ufficiale (VIDEO)

300 appuntamenti in 8 giorni. Si comincia sabato prossimo

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 11/03/2015 da Giuseppe Bellino
La sesta edizione del Bif&st, il Bari International Film Festival, prende forma. Il programma ufficiale della manifestazione è stato presentato da Felice Laudadio, ideatore e direttore del festival nel corso di una conferenza stampa. Sono intervenuti il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, il sindaco di Bari, Antonio Decaro e Daniele Basilio, direttore dell’Apulia Film Commission. Il Bif&st si articolerà in 8 giorni, dal 21 al 28 marzo, con oltre 300 appuntamenti. Il percorso scelto per quest’anno da Felice Laudadio, chiamato “La memoria del cinema”, riguarderà il grande registra austro-ungarico Fritz Lang. Come ha sottolineato proprio il direttore, il Bif&st dedicherà “la più completa retrospettiva del cinema di Fritz Lang di sempre”. Saranno presentati tutti i film del regista austro-ungarico, mentre il 21 marzo Martin Koerber, Rudiger Suchsland, Giovanni Spagnoletti e Angelo Amoroso D’Aragona introdurranno il Festival Fritz Lang. Il secondo percorso prevede un tributo a Francesco Rosi, recentemente scomparso. Nel 2010 Rosi aveva ricevuto il Premio Federico Fellini dalle mani di Ettore Scola, ma ha lasciato il segno anche nella scorsa edizione con 40 minuti di intervista su Gian Maria Volonté (“Rosi racconta Volonté”). Oltre alla proiezione di 17 film del regista italiano, saranno presentati cinque libri che si sono occupati del regista scomparso. (22 marzo, ore 16.00: ‘Dossier Rosi’, intervengono Michel Ciment, Massimo Ghini, modera Angela B. Saponari; 22 marzo ore 17.30: ‘Io lo chiamo cinematografo’, intervengono Giuseppe Tornatore, Ettore Scola con la partecipazione di Carolina Rosi, modera Felice Laudadio; 24 marzo, ore 18.00: ‘Con Francesco Rosi a lezione di ubranistica’, intervengono Enrico Costa, Amerigo Restucci, modera Angela B. Saponari; 25 marzo ore 18.00: ‘Con Francesco Rosi nella Matera di Carlo Levi, intervengono Domenico Notarangelo, Piero Di Siena, modera Angela B. Saponari; 26 marzo, ore 18.00: ‘Francesco Rosi. Cinema et pouvoir, intervengono Jean Gili, Roberto Andò, modera Angela B. Saponari). A completare il lavoro su Rosi è stata organizzata una mostra nella Sala Murat, dal 16 al 28 marzo. Oltre ai percorsi monografici sui Rosi e Lang, il Bif&st ospiterà anche film in anteprima internazionale. Il 21 marzo sarò proiettato ‘Tempo instabile con probabili schiarite’ di Marco Pontecorvo, interpretato da John Turturro, Luca Zingaretti e Carolina Crescentini; il 22 toccherà a Jean-Jacques Annaud presentare il suo ‘L’ultimo lupo’ (Le dernier loup), acclamato dalla critica francese. Il 23 marzo sarà presentato dalla Universal International Picutres ‘Ex Machina’, film dichiaratamente ispirato a ‘Metropolis’ di Fritz Lang e diretto dal regista britannico Alex Garland. Il 24 marzo sarà la volta di ‘Ho ucciso Napoleone’, commedia di Giorgia Farina, mentre il 25 marzo toccherà a ‘Slow West’, possibile film rivelazione del Bif&st diretto da John Maclean. Le anteprime termineranno con ‘The gunman’ di Pierre Morel il 26 marzo, ‘The misplaced Wold’ di Margarethe von Trotta il 27 marzo, mentre il film di chiusura sarà ‘Ritorno al Marigold Hotel’ diretto da John Madden. Il 21 marzo, giorno di apertura, saranno proiettati due eventi speciali: ‘Kurt Cobain: Montage of Heck di Brett Morgen e’Humandroid’ di Neill Blomkamp.
Fiore all’occhiello della manifestazione cinematografica saranno le ‘Lezioni di cinema’, organizzate con la Fipresci (Fédération Internationale de la Presse Cinématographique). Anche con un budget limitato rispetto all’anno scorso, con 100 mila euro di fondi in meno, 8 grandi registi del panorama europeo saliranno sul palcoscenico del Petruzzelli per tenere le lezioni di cinema. Le otto lezioni saranno precedute da un film del maestro alle ore 9,00. Si comincerà il 21 marzo con Sir Alan Parker, introdotto dal critico Derek Malcom, che prenderà spunto dal suo ‘Fuga di mezzanotte’; il 22 sarà la volta del regista francese Jean-Jacques Annaud, che terrà la sua lezione dopo ‘Sette anni in Tibet’. ‘Amen’, film del 2002 sul rapporto tra nazismo e pontificato di Pio XII, introdurrà la lezione del regista greco Costa-Gavras prevista per il 23 marzo, mentre il 24 toccherà al grande Ettore Scola, che terrà la sua master class dopo la proiezione del film ‘Una giornata particolare’ del 1977. Il 25 marzo sarà la volta di Andrzej Wajda, regista polacco che racconterà la sua vita nel cinema dopo la proiezione di ‘Katyn’, film sui crimini compiuti dai sovietici in Polonia all’inizio della seconda guerra mondiale. Il 26 marzo invece il regista tedesco Edgar Reitz partirà dall’episodio ‘Hermännchen’ per la sua lezione di cinema. Chiusura con Margharethe von Trotta e il suo ‘Anni di piombo’ il 27 marzo e Nanni Moretti, che il 28 marzo terrà una lezione ‘a sorpresa’ dopo la proiezione del suo ‘Caro diario’. Proprio Nanni Moretti riceverà il ‘Federico Fellini Platinum Award per l’eccellenza cinematografica’ da Ettore Scola.
A completare il programma del Bif&st 2015 ci sarà il classico appuntamento ‘Focus su..’, nel quale otto tra attori e attrci saranno intervistati in pubblico da Franco Montini, presidente del Sindacato nazionale critici cinematografici. Quest’anno sarà la volta di Luca Zingaretti (21 marzo), Alba Rohrwacher (22 marzo), Ksena Rappoport (23 marzo), il 24 marzo ci sarà un ospite a sorpresa, Valentina Lodovini (25 marzo), Marco D’Amore (26 marzo) e per concludere Stefania Roca il 27 marzo.
Anche con un budget nettamente inferiore agli altri festival italiani (circa un decimo dei festival del cinema di Roma o Firenze), il Bif&st cercherà di battere ancora una volta il record di presenze in tutto l’arco della manifestazione, fermo ai 70mila biglietti staccati della scorsa edizione.


loading...