Martedì, 23 Luglio 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Teatro, Eolo Awards 2019: premiate due produzioni pugliesi

Gli ideatori di Zanna Bianca e Cappuccetto Rosso hanno ricevuto i riconoscimenti al Teatro Bruno Munari di Milano

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 10/05/2019 da Redazione

Zanna Bianca, della natura selvaggia, lo spettacolo della compagnia INTI scritto da Francesco Niccolini e interpretato da Luigi D’Elia vince l’Eolo Awards 2019 come “Migliore spettacolo”. Il premio è stato assegnato ieri sera, giovedì 9 maggio, a Milano al Teatro Bruno Munari nel corso della cerimonia annuale dell’Eolo Award, nell’ambito del Festival Segnali. Lo vince a pari merito con lo spettacolo Cappuccetto Rosso di Michelangelo Campanale, un altro spettacolo pugliese. Due spettacoli pugliesi come migliori spettacoli dell’anno.  Si tratta del principale riconoscimento per il teatro ragazzi d’Italia, un premio assegnato ogni anno da una rete di critici teatrali, operatori professionisti, osservatori che durante il corso dell’anno seguono e osservano in festival e stagioni lungo l’intera penisola italiana le più importanti produzioni di teatro per ragazzi con particolare attenzione alla ricerca in quest’arte così preziosa e dedicata del teatro. 
Zanna Bianca, della natura selvaggia, è lo spettacolo dei due autori, Niccolini e D’Elia, toscano il primo, pugliese di Brindisi il secondo, che insieme hanno realizzato un anno fa nell’ambito del nuovo progetto d’arte e teatro di Luigi D’Elia, INTI, Landscape of the moving tales. Prodotto con la regia degli stessi Niccolini e D'Elia, le scene costruite da Luigi D'Elia, il disegno luci di Paolo Mongelli e la distribuzione e la cura di Francesca Vetrano, lo spettacolo è la storia ancestrale e leggendaria, del lupo Zanna Bianca e del lupo, questo spettacolo, conserva e sprigiona lo sguardo, da quando cucciolo per la prima volta scopre il mondo fuori dalla tana a quando fa esperienza della vita, della morte, della notte, dell’uomo, fino all'incontro più strano e misterioso: un ululato sconosciuto, nella notte. Un racconto che morde, a volte corre veloce sulla neve, altre volte si raccoglie intorno al fuoco. Un omaggio selvaggio e passionale che arriva dopo dieci anni di racconto della natura di D’Elia e Niccolini, a Jack London, ai lupi, al Grande Nord e all’antica e ancestrale infanzia del mondo.
Lo spettacolo già accolto come “dirompente e vitale” dalla critica, ha da poco terminato una lunga tournée per l’Italia e si prepara ad una altrettanto intensa tournée per la nuova stagione teatrale. Prossime tappe a metà maggio: Leggenda Festival Empoli, Festival della lettura e dell'ascolto e Festival Reggio Narra a Reggio Emilia.



loading...