Lunedì, 27 Gennaio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il Corteo Storico di San Nicola 2017, una squadra di sensibilità femminili

Italia Romano, fondatrice e direttrice di Nouvelle Esthétique Académie ci parla del legame profondo che lega la sua accademia alla rappresentazione storico-religiosa

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 05/05/2017 da Alessandra Rizzi
Italia Romano

Per San Nicola i baresi non si risparmiano. Mai. E, in occasione del corteo storico e dei festeggiamenti in onore del Santo di Myra le imprenditrici e gli imprenditori della città fanno a gara per offrire il loro contributo. Come accade ormai da tre anni per Nouvelle Esthétique Académie che cura con passione precisione il trucco e le acconciature di centinaia tra figuranti e artisti.

Abbiamo incontrato la direttrice e fondatrice dell’accademia, Italia Romano per raccogliere le sue impressioni su questa nuova e stimolante esperienza che vede una donna, Elisa Barucchieri, impegnata nella regia e nella direzione artistica della rappresentazione storico-religiosa più famosa del Mediterraneo.

 

D. Quest'anno si fa la storia: l’interpretazione del corteo è affidata ad una donna. E’ soddisfatta della notizia?

R. “Era ora, finalmente, ne sono felicissima. Conosco Elisa dallo scorso anno, è una persona molto competente ed affabile: in Accademia ormai è di casa - infatti abbiamo collaborato con lei anche per altri spettacoli - e siamo tutti legati a lei da un affettuoso rapporto; è una professionista di altissimo valore e con lei ci confrontiamo, studiamo, condividiamo sensazioni ed emozioni. La sua direzione artistica porterà senza dubbio qualcosa di innovativo nel corteo, rendendolo attuale nei temi restando fedele nella rievocazione: certo non è un compito facile ma elisa ce la farà, perchè ha quella carica emotiva e propositiva che solo le donne - e le donne come lei - possono avere”.

Non è il primo anno che Nouvelle Esthétique Académie vive questa esperienza. Che significato ha per lei, per il suo staff e per le studentesse e gli studenti che frequentano la scuola?

“Tre anni fa ci siamo approcciati a questo evento con grande umiltà ed un po' di timore, sia per l' importanza che il corteo riveste per la città, sia perchè ci saremmo messi in gioco in una situazione molto complessa; devo dire che - tre anni dopo - il timore non c'è più ma rimangono l'umiltà e la consapevolezza di essere parte di un ingranaggio che ogni anno produce uno spettacolo meraviglioso, arricchendo - inoltre - tutti i nostri studenti di competenze che - oggi - è molto difficille acquisire. Devo dire che ci siamo riusciti egregiamente”.