Giovedì, 21 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Festival della Valle d’Itria: fra arte, cultura e territorio

Vendola e Godelli: 'A Martina Franca si respira aria di cosmopolitismo'

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 04/07/2014 da Redazione
“In uno dei frammenti più belli del Mediterraneo, un Festival che è un richiamo internazionale”. Con queste parole il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha salutato l'edizione 2014 del Festival della Valle d'Itria. Con l'Assessora Regionale Silvia Godelli, il Presidente della “Fondazione Paolo Grassi” Franco Punzi e il direttore artistico Alberto Triola, ha incontrato i giornalisti per la presentazione della 40^ edizione del Festival della Valle d’Itria.
“Un Festival – ha proseguito Vendola – in cui si celebra la musica colta, quella del passato e quella del futuro. Un evento che è frutto di un lavoro straordinario di scavo nelle tradizioni e nella storia musicale. Un lavoro di recupero e di restauro, anche filologico, di vecchi capolavori che non sono stati mai più rappresentati, e insieme, la possibilità di produrre mescolanze tra ciò che è antico e ciò che è ipermoderno”.
Il Festival, secondo Vendola, “rappresenta un fiore all’occhiello della Puglia che ha voluto investire in cultura, continuando a dire, ostinatamente e controcorrente, che investire in cultura non è soltanto un ristoro dell’animo, non fa soltanto bene allo spirito e all’educazione. Investire in cultura fa bene all’economia: il Festival della Valle d’Itria ha un indotto economico assolutamente rilevante”.
“Non è un evento – ha concluso il Presidente – del folclore locale, ma un festival di respiro cosmopolita, un appuntamento che attrae da tutto il mondo un pubblico specializzato, che viene a godere di quelle notti in cui musica e bellezza si fondono magicamente”.
“La 40ma edizione del Festival della Valle d’Itria – ha spiegato l’Assessora Godelli – rappresenta davvero una festa speciale. Nel cuore dell’estate, nel cuore della Puglia turistica, in una città tra le più belle d’Italia, diamo vita ad una connessione tra arte, cultura e territorio veramente eccellente”.