Martedì, 11 Dicembre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Noci, torna il Piccolo festival della parola: incontri su letteratura, cinema, musica e arte

Ascanio Celestini, Luciano Canfora e Peppe Servillo tra gli ospiti

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 02/12/2018 da Redazione

Con l’arte affabulatoria di Ascanio Celestini, le riflessioni di Luciano Canfora, la musica di Peppe Servillo e degli Avion Travel torna a Noci dal 6 al 9 dicembre il Piccolo  Festival della Parola. Oltre cinquanta gli eventi in programma per questa terza edizione,  tra presentazioni di libri, reading, performance musicali e teatrali, proiezioni, mostre  d’arte, gare poetiche, azioni di poesia urbana e laboratori di scrittura e lettura (ingresso  gratuito fino a esaurimento dei posti www.piccolofestivaldellaparola.it).

 

L’appuntamento con Peppe Servillo è il 6 dicembre: alle 19.30 nel Chiostro delle Clarisse  converserà con Michela Ventrella sul rapporto tra parole e musica. Alle 21 nell’Auditorium  della Scuola Gallo, Peppe Servillo e gli Avion Travel in concerto con il loro ultimo lavoro musicale  “Privé”. 

Luciano Canfora dialogherà con Maddalena Tulanti, a partire dal nuovo libro La 

scopa di don Abbondio, edito da Laterza, che affronta il tema del moto violento della storia  tra rivoluzioni e nuove scosse (il 9 dicembre alle 18, nel chiostro delle Clarisse). Alle 19 lo sceneggiatore Salvatore De Mola (Il commissario Montalbano e I bastardi di  Pizzofalcone) converserà con il critico Anton Giulio Mancino. In particolare verrà analizzato il lavoro che permette alle pagine di Camilleri di trasformarsi in opera cinematografica. 

 

Lo stesso giorno, sempre nel chiostro delle Clarisse, doppio appuntamento con Ascanio Celestini: alle 20 in programma il monologo L’armata dei senzatetto, ispirato al libro scritto con Giovanni Albanese (Contrasto), subito dopo la 

conversazione con Gianni Messa sull'argomento del libro: la nuova vita degli oggetti raccolti da sfasciacarrozze e mercatini dell’usato.

Tre gli appuntamenti con il poeta Giovanni Fontana, che lega la sua attività di scrittore a ricerche in campo sonoro e visivo. Il 6 dicembre alle 19 (chiostro delle Clarisse), con il sound artist Nicola Di Croce in calendario I suoni di Noci, evento realizzato in esclusiva per il festival: i ritmi mediterranei del progetto “Clinamen” e gli ambienti acustici di Noci, registrati per l’occasione nel mese di novembre incontrano la poesia. 

 

Sabato 8 dicembre alle 17, nel chiostro delle Clarisse, Fontana dialoga con Vittorino Curci e  alle 20.30 porta in scena lo spettacolo Sento, dunque sono: intreccio di poesia, musica e  suggestioni vocali. Il 7 dicembre alle 18 omaggio al “poeta del fumetto” Andrea Pazienza a trent’anni dalla morte, con il sociologo Stefano Cristante e il poeta Enrico Fraccacreta, amico d’infanzia dell’artista. A seguire la proiezione del videodocumentario Paz, prodotto da Rai 4 (chiostro delle Clarisse). Lo stesso giorno alle 22 in calendario la maratona di lettura Noci legge l’Odissea, per tutti i cittadini che amano i libri. Cento volontari leggeranno l’opera di Omero in un progetto sperimentale che diventerà un cd. spazio importante, così come nelle precedenti edizioni, è riservato a bambini e ragazzi. Sabato 8 dicembre alle 11 e alle 19 (chiostro delle Clarisse), appuntamento con il concerto-fiaba musicale Pierino e il lupo di Sergej Prokofiev, produzione originale del festival in chiave jazz, con Ettore Fioravanti alla batteria, Igor Legari al contrabbasso, Marco Colonna al clarinetto, Pasquale Mirra al vibrafono e Gaetano Partipilo al sassofono. Voce narrante di Silvana Kühtz. I personaggi sono rappresentati dagli strumenti musicali e la voce recitante racconta prima la fiaba tradizionale, poi evoca suggestioni poetiche e infine propone finali diversi scritti con l’aiuto dei bambini nocesi. Sul linguaggio del fumetto, invece, è il laboratorio per i più piccoli a cura di Antonello Vigliaroli (7 dicembre alle 15.30, Biblioteca Monsignor Amatulli), realizzato in collaborazione con Mat - Museo dell’Alto Tavoliere e Splash - Archivio Andrea Pazienza, San Severo.

Due gli eventi sulla comunicazione che si terranno il 6 e 7 dicembre alle 10 nel chiostro san Domenico. Nel primo Silvia Zotti (Scuola open Source) e Francesca Schioppo (Docus)  analizzeranno la forza delle parole e il loro uso quotidiano. Il giorno dopo, l’esperto di comunicazione e innovazione digitale Francesco Nicodemo, autore del libro Disinformazia, edito da Marsilio, parlerà della comunicazione al tempo dei social media in un appuntamento organizzato in collaborazione con Parole Ostili. Parteciperanno agli incontri gli studenti del liceo scientifico Da Vinci Galilei di Noci.

Uno spazio, inoltre, è dedicato alla produzione editoriale pugliese all’interno del chiostro di San Domenico con Officina editori, una iniziativa realizzata in collaborazione con il Consiglio regionale della Puglia, Sezione Biblioteca e Comunicazione istituzionale. 

Tredici le case editrici, con un ricco programma di presentazioni di nuovi libri, autori e progetti editoriali. Infine, uno spazio importante è riservato alle mostre. Costanti/Varianti è la mostra di poesia verbovisiva allestita nel Palazzo della Corte (ex Pretura). Inaugurata il 10 novembre resterà aperta fino al 6 gennaio 2019. Nello stesso luogo il videodocumentario di Marco Vitale Documento Celeste (Primo). La Biblioteca Amatulli ospiterà l’anteprima della mostra “La cattiva maestra”: tredici illustrazioni delle copertine di Pietre Vive, a cura di U Jùse.

“Noci è una città aperta alle arti e alla cultura – spiega il sindaco Domenico Nisi - abbiamo sensibilità, senso di accoglienza e capacità organizzativa collaudata negli anni che possono davvero garantire al nostro territorio un nuovo spazio di visibilità e promozione. Il Piccolo Festival della Parola offre alla comunità occasioni di riflessione su temi di grandissima attualità, grazie all’incontro e al confronto con artisti di fama nazionale e internazionale. 

Si tratta di un’opportunità di crescita importante e sono certo che sarà accolta con 

curiosità, entusiasmo e vivo interesse. Sono diversi i luoghi architettonici e storici che ospitano gli eventi: grazie a questa rassegna abbiamo riaperto uno dei palazzi storici della città, il Palazzo della Corte ex sede della Pretura, che dal 10 novembre ospita la mostra di poesia visiva Costanti/Varianti”.



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet