Mercoledì, 18 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

"Il Vangelo secondo Mattei" in anteprima il 12 novembre a Mosca

Esordio sugli schermi internazionali per la commedia grottesca girata in Basilicata

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 02/11/2016 da Redazione
Flavio Bucci

Il Vangelo secondo Mattei” di Antonio Andrisani e Pascal Zullino, interamente girato in Basilicata, debutta il 12 novembre su un prestigioso schermo, quello del Cinema Oktybar (Ottobre) di Mosca. La sala più importante della capitale russa, 3000 posti, ospita infatti nei primi 13 giorni di novembre il RIFF, Russia-Italia Film Festival, una vetrina del nostro cinema quest’anno dedicata alla memoria di Ettore Scola.

 

Oltre alla proiezione di film blasonati, tra cui “Perfetti sconosciuti” grande successo della passata stagione, anche il film dei due materani che, come ci hanno dichiarato, si dicono onorati della partecipazione. “Il Vangelo secondo Mattei” è interpretato da Flavio Bucci, Ludovica Modugno, Andrea Osvart, Antonio Stornaiolo (che insieme ai due registi è anche uno dei produttori), Riccardo Zinna, Gianni Ferreri, oltre agli stessi registi e vede anche la partecipazione straordinaria di Mimmo Calopresti e Enrique Irazoqui. Quest’ultimo, noto come il Gesù del film “il Vangelo secondo Matteo” di Pasolini, torna sugli schermi dopo tanti anni per rivestire nuovamente i panni del Messia in un divertente cameo.

 

La pellicola è una commedia grottesca in cui il tema del petrolio fa da sfondo a una storia di piccoli uomini ognuno con le proprie miserie, sogni e valori. La cronaca degli ultimi mesi rende il film profetico. Sia il referendum dello scorso 17 aprile che il recentissimo scandalo ENI non erano nemmeno all’orizzonte quando il film è stato realizzato e ancor meno scritto. Il "Vangelo secondo Mattei" ad oggi è  la prima e al momento unica opera cinematografica di fiction sul tema del petrolio in Basilicata.

 

Il film è prodotto da “Brigata Germi” di Andrisani, Zullino e Stornaiolo e dalla “Run Comunicazione” di Alessandro Cannavale.

 

Una breve sinossi del film: un cinico regista e il suo assistente ritornano in Basilicata, loro terra di origine, in cerca di un furbo riscatto. Giunti all’età di 50 anni e falliti nelle loro ambizioni artistiche decidono di cavalcare l’onda del dissenso sulle estrazioni petrolifere per mettere su uno sgangherato film inchiesta. I due, per ragioni di “marketing” più che estetiche, scelgono come protagonista del loro film un anziano materano, Franco, un settantenne che da ragazzino ha partecipato come comparsa al film “Il Vangelo secondo Matteo”. L’anziano dovrà interpretare niente di meno che Gesù. Franco, un uomo semplice, che sogna da sempre di fare l’attore è un personaggio folkloristico della città. Per il nostro protagonista quindi la proposta del regista sembra essere l’occasione del grande riscatto. Ma i sogni di rivincita di tutti saranno spezzati. A causa dell’intervento del Senatore Lisurici, l’uomo che con il petrolio si è costruito una fortuna.



loading...