Mercoledì, 21 Ottobre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Community library', in Puglia 120 milioni di euro destinati agli interventi nelle biblioteche

Il 64% dei comuni pugliesi ha partecipato al bando

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 02/02/2018 da Redazione

È stato presentato a Bari il bando Community Library – Biblioteche di Comunità, con la firma dei primi sei disciplinari. Senza questo l’atto di oggi non sarebbe stato possibile avviare i procedimenti per 111 progetti: si tratta infatti della più grande operazione di finanziamento delle biblioteche di comunità della Puglia e non ha precedenti in Italia.

Il coinvolgimento delle amministrazioni locali, delle associazioni di categoria, delle istituzioni scolastiche e universitarie, degli enti e dei cittadini, anche giovanissimi, sostenuto perché alla base dell’azione di area vasta e di coordinamento della Regione, viene oggi rappresentato dagli esiti del bando Community Library.

Il bando Community Library – Biblioteche di Comunità, nell’ambito della “Strategia Smart In – Sostegno Memoria Arti Resilienza Territorio e Ingegno” è stato pubblicato lo scorso 15 giugno a cura dell’Assessorato all’Industria Culturale e Turistica.

I risultati sono stati presentati dal presidente della Giunta Regionale e dall’Assessore alla Cultura e Turismo. Firmati i primi sei disciplinari con i Comuni per permettere l’avvio delle procedure, gli altri saranno nell’arco di queste settimane.  La sfida lanciata è stata: “Non più un euro per il restauro, senza un progetto di fruizione”, e si è investito quindi sulla pianificazione strategica pluriennale. 

Da qui la scelta di intervenire sulla infrastrutturazione complessiva del sistema culturale. In quest’ottica si è inserita la strategia “Smart In” e - in particolare - l’avviso sulle Biblioteche di Comunità presentato, che è la più grande operazione di infrastrutturazione culturale d’Italia.

I progetti sono in gran parte già cantierabili, con un soggetto gestore già esistente e sono condivisi con il territorio. Il 64% dei comuni pugliesi ha partecipato al bando: 41 a Bari con 23 istanze finanziate per un totale di 28 milioni, 20 comuni a Brindisi con 9 istanze finanziate per un totale di 10 milioni, 10 nella BAT con 7 istanze per un totale di 7 milioni di euro, 61 comuni a Foggia con 27 istanze per un totale di 27 milioni di euro. A Lecce sono 97 comuni per 32 istanze con un totale di 31 milioni di euro, a Taranto i comuni sono 29 per 13 istanze con un totale di 14 milioni di euro.

 In Puglia quindi ci saranno 123 nuovi presidi di comunità, distribuiti in tutto il territorio pugliese attraverso una rete capillare e integrata.  Ogni città avrà finalmente la sua Biblioteca di comunità, dalla più piccola fino alle aree metropolitane, dal Gargano al Salento, in una delle più straordinarie pagine di partecipazione che la Puglia abbia mai vissuto.

 

 “Si tratta del più grande investimento in cultura popolare – ha detto il presidente della Regione Puglia – si tratta di dare la possibilità a tutti i comuni che rientreranno in graduatorie di investire una somma incredibile che è dedicata soprattutto alla possibilità da parte di ciascun cittadino pugliese di accedere alla cultura in forme moderne e tradizionali. Parliamo di biblioteche dove vengono custoditi volumi importantissimi ma anche della diffusione di cultura attraverso nuove tecnologie. Favoriamo così l’integrazione tra scuole, istituzioni culturali,  associazioni e Comuni. Sono stati presentati dai Comuni progetti strepitosi che ci hanno indotto poi a quasi raddoppiare l'investimento previsto inizialmente. Di questo modello si sta interessando il mondo della cultura anche a livello internazionale. Un modello partecipato che, partendo dal basso, viene progettato da Comuni, associazioni e comunità culturali, e poi viene recepito dalla Regione dentro un piano strutturato e razionale”.