Sabato, 28 Novembre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Corigliano d'Otranto: cena medievale, visite in costume e rievocazioni storiche all'interno del Castello volante

Il menù - sorseggiando l'ippocrasso - comprende insalatuzza d'erbe, porcu de casa, salvia fricta, frictata verde, scapeta piscium, ravioli in tempo di carne, riso al latte di mandorle, limonia di pollo, torta de cepolle, pere al vino greco e formaggio, spezie confettate.

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 01/09/2020 da Redazione

Domenica 6 settembre al Castello Volante di Corigliano d'Otranto, in collaborazione con SalentOltre e ProLoco di Scorrano, si viaggia nel tempo alla riscoperta della vita di corte tra cibi, suoni, mestieri e rievocazioni storiche dal sapore medievale. Alle 21 da non perdere la Cena medievale. Un tipico banchetto ideato, studiando nei minimi dettagli il menù e gli allestimenti, per assaporare pietanze ormai dimenticate con le ritualità e i costumi dell'epoca, tra dame, fanti e cavalieri. A causa delle restrizioni anticovid19 il numero dei posti è limitato (ingresso 40 euro - ridotto 20 euro, under 10) e la prenotazione obbligatoria entro giovedì 3 settembre (info 0836471008 - 3883620751 - info@castellovolante.it). Il menù - sorseggiando l'ippocrasso - comprende insalatuzza d'erbe, porcu de casa, salvia fricta, frictata verde, scapeta piscium, ravioli in tempo di carne, riso al latte di mandorle, limonia di pollo, torta de cepolle, pere al vino greco e formaggio, spezie confettate.

La lunga domenica dell'antico maniero partirà, però, dalle 16.30 (ingresso 8 euro - 12 euro con visita guidata - gratuito fino a 10 anni) con speciali visite in costume e una piccola rievocazione medievale. I personaggi storici che sono stati gli abitanti del Castello (artigiani, falconieri, arcieri, dame e cavalieri) accompagneranno i visitatori in un viaggio nel tempo, alla scoperta della storia, dell'arte e del vissuto del Castello che, testimonia, nel respiro della sua pietra almeno tre periodi storici: il Medioevo, il Rinascimento e il Barocco. La prenotazione è obbligatoria 0836471008 - 3883620751 - info@ilcastellovolante.it.

L'ingresso al Castello include la visita alla mostra "Fellini in scena! Fotografie di Franco Pinna" che proseguirà fino al 28 settembre. In occasione del centenario della nascita di Federico Fellini, Archivio Franco Pinna, Castello Volante, Archivio Cinema del reale, Big Sur e OfficinaVisioni dedicano al grande regista scomparso nel 1993, universalmente riconosciuto come uno dei massimi artisti del '900, una straordinaria mostra fotografica. Curata da Claudio Domini e Paolo Pisanelli, Fellini in scena! propone oltre cento immagini, di cui molte inedite, riguardanti i film diretti dal regista e i vivaci backstage, dove prendevano vita sogni e visioni cinematografiche.

Il progetto Castello Volante - vincitore del bando per l'adeguamento degli attrattori turistici all'accoglienza di attività di spettacolo dal vivo della Regione Puglia - è gestito dal 2017 da Multiservice Eco, Big Sur e Coolclub in collaborazione con il Comune di Corigliano d'Otranto. Ogni giorno, tranne il lunedì (ore 10/13 - 16/20 - informazioni e prenotazioni visite al 0836471008 - 3883620751) l'infoPoint offrirà un catalogo di esperienze culturali, visite guidate esperienziali, bike tour dentro e intorno le mura del Castello e all'interno del suo bookshop una selezione di produzioni editoriali, artigianali e di design made in Puglia. Nel corso dell'estate, rispettando tutte le disposizioni e le misure di contenimento del contagio da Coronavirus, il Castello Volante ha proposto numerosi rassegne e festival. In programma la musica di Sei Festival e Sei Young, le proiezioni e i percorsi espositivi di Cinema del reale e gli incontri e i dibattiti di Io non l'ho interrotta, tutte produzioni originali delle realtà che animano il progetto culturale del Castello Volante. Non sono mancati, inoltre, altri appuntamenti con arte, danza, cibo, letteratura, nuovi mestieri e artigianato. Il Castello Volante è, infatti, un grande cantiere delle arti in cui nascono opere ed eventi che scaturiscono dall'incontro in un processo di ibridazione e "scambi creativi". Il Castello e il suo borgo diventano così luoghi da abitare, storie da scoprire e da svelare, corpi architettonici e simbolici con cui stabilire una relazione sentimentale e di scambio, a cui restituire un segno del proprio passaggio.