Domenica, 25 Agosto 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il Festival 'Del Racconto, il Film' fa tappa nell'istituto penale Fornelli: ospiti il regista Mario Vitale e l'attrice Daphne Scoccia

Il Festival è organizzato dalla cooperativa sociale “I bambini di Truffaut” sotto la direzione artistica del giornalista e scrittore Giancarlo Visitilli

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 01/07/2019 da Redazione

Riscuotono successo gli appuntamenti nei penitenziari, nell’ambito del  Festival di Cinema&Letteratura “Del Racconto, il Film”. Il cinema in carcere è un’esperienza che coinvolge in modo diverso chi è recluso e chi è ospite, ma in entrambi si spera lasci il segno della bellezza e della speranza.  Domani 2 luglio alle 15,30 sarà l’Istituto penale Fornelli per i minorenni di Bari ad ospitare la nuova tappa de “Del racconto, la Vita (possibile)”, ospiti della quale saranno il Garante regionale dei Diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, Pietro Rossi, il regista Mario Vitale del cortometraggio “Prenditi cura di me” che verrà proiettato prima del film “Fiore” di Claudio Giovannesi,  e l’attrice protagonista Daphne Scoccia.

“Prenditi cura di me” racconta come la passione per il cinema riesca a salvare la giovane protagonista, chiusa in se stessa e traumatizzata dopo aver subito violenza.

“Fiore”  - presentato in concorso nella sezione Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2016, un Nastro d’Argento e altri prestigiosi riconoscimenti -  porta sul grande schermo, invece,  l’amore nato in carcere tra due giovani detenuti: Dafne e Josh.  A causa delle regole rigide i due non possono quasi mai incontrarsi. Il loro amore è fatto solo di sguardi e lettere consegnate di nascosto. I ragazzi sperano che il loro sentimento possa salvarli.

 

"La claustrofobia dei luoghi, resa attraverso il buio e le ombre di Daniele Ciprì, fomentano l’esigenza di liberarsi, non necessariamente quando si sta fuori da quelle celle e mura, perché anche quando è possibile vedere il cielo, in quell'unica concessione che a Daphne le è data, l’azzurro è cupo. Per anche fuori da quelle mura non c’è spazio per quelli come Daphne e Josh. E’ il mondo una proibizione per loro. Eppure, lei utilizzerà l’amore, e solo quello per Josh, come mezzo per lottare, fare la sua resistenza e continuare a sperare, a viaggiare. Cercare di superare quegli orizzonti statici e a breve durata, come può esserla la più vicina Rimini ma anche la più lonatana Ibiza", scrive Giancarlo Visitilli.

 

Il Festival è organizzato dalla cooperativa sociale “I bambini di Truffaut” sotto la direzione artistica del giornalista e scrittore Giancarlo Visitilli, ha ingranato la marcia e continua spedito nella promozione della lettura e dei film abbinati: particolarità della manifestazione, arrivata alla decima edizione, è la scelta del Sociale in tutte le sue sfaccettature come tema portante.

Per la decima edizione il Festival di Cinema&Letteratura Del Racconto, il Film presenta alcune novità: anticipato da una serie di incontri pre-festival in programma nelle piazze dei comuni aderenti alla “rete del Festival”, arriva al cuore della rassegna dal 18 al 21 luglio a Mola di Bari, proprio nella città in cui è nato.  Inoltre è stato introdotto un concorso: 8 film e 5 libri gareggeranno per essere eletti “Miglior film” e “Miglior libro”, nell’ambito di 3 diverse sezioni: I quattrocento colpi (film di carattere prettamente sociale); La terra vista dalla luna (film di carattere generale) Non ci resta che leggere (letteratura), da parte delle tre

giurie presenti: una popolare e due di esperti – una di Cinema presieduta dall’attrice Francesca Inaudi e una di Letteratura presieduta dalla scrittrice Nadia Terranova

Per il secondo anno, poi, il festival ritorna nelle carceri a Turi, Bari e Trani per coinvolgere ogni tipo di pubblico.

 

La manifestazione è patrocinata da Regione Puglia (Assessorato all’Industria Turistica e Culturale, Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali), Città Metropolitana, Comuni di Bari, Bitonto, Mola di Bari, Sannicandro di Bari, Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, Garante regionale dei diritti del minore, dell’infanzia e dell’adolescenza, Coop Alleanza 3.0., Carcere femminile di Trani, Carcere di Turi, Istituto penale per i minorenni di Bari.  Con il sostegno di Fondo speciale cultura e patrimonio culturale L.R. 40/2016 – Art. 15, comma 3 della Regione Puglia e Piiil Cultura Puglia. Con la collaborazione di Notte bianca dei Giovani di Mola di Bari. Partner: Apulia Film Commission, associazione La Giraffa onlus, Caritas Bari-Bitonto, Save the Children, Agedo Puglia-sezione Bari, Unicef, Ordine dei Giornalisti di Puglia, Lo Scrittoio, Sindacato SNCCI sindacato critici cinematografici italiani di Puglia.



loading...