Lunedì, 23 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Visti da noi: Franco Battiato a Modugno

Un piacevole incontro con il cantautore siciliano

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 01/06/2014 da Margherita De Napoli
Battiato: "Questo premio è costosissimo", Sindaco: "no, non costa molto", Battiato: "è poco costoso",
Sindaco: "non costa nulla", Battiato: "è gratis!" E giù risate e applausi da parte del pubblico intervenuto nel chiostro del Muncipio di Modugno venerdì 27 giugno alle 18,30. Con un simpatico scambio di battute tra il cantautore Franco Battiato, il sindaco Nicola Magrone e l'assessore alla Cultura Francesco Taldone inizia la cerimonia di consegna del "Premio al Dialogo Tre Volte Dio" al grande artista "per aver saputo, con la sua opera, creare ponti di conoscenza e rispetto reciproco tra culture e lingue differenti".
Il premio in questione è un manufatto in terracotta acquerellato che rappresenta il sole e la luna (donato dell'artista Vito Massarelli) con cui l'autore ha giocato mettendolo davanti al viso come una maschera.
La breve parentesi con il musicista che cercava un 'centro di gravità permanente' è stata molto piacevole. Ha raccontato un episodio importante: quando era un bambino di appena sette anni, ascoltando delle note che provenivano da una Chiesa, fu toccato nell'intimo e sentì il suo spirito 'trascinato' verso l'Alto, incuriosito si recò dal parroco per chiedere cosa fosse quella musica che -ha detto- gli è rimasta 'incisa' nella mente per sempre. Anche lo humour sottile con cui insaporiva i racconti è stata una sorpresa.
La manifestazione "Tre volte Dio"(IX Edizione) a cura del centro interculturale Abusuan e ideata da Michele Lobaccaro musicista e autore dei Radiodervish, ha avuto come 'ospite speciale' proprio il M° Battiato, in Puglia per presentare il suo ultimo lavoro, un docufilm intitolato "Attraversando il Bardo" che è -spiega l'artista- "lo stato della mente dopo la morte, quando la coscienza è separata dal corpo".
Il cantautore mosso da un'inesausta ricerca del senso dell'esistenza si spinge ad indagare un tabù della nostra società, la morte. Nella pellicola propone diversi sguardi sull'aldilà e affronta il tema dell'immortalità dell'anima.
Il Festival si è svolto in giugno in coincidenza delle tre feste sacre per le tre religioni monoteiste mediterranee: 4 giugno Shavuot (Ebraismo), 28 giugno Ramadan (Islam), 29 giugno S.Pietro e Paolo(Cristianesimo).
Perchè il Comune di Modugno ha premiato il regista-musicista siciliano? "Battiato è un artista che ha sempre lavorato nel senso dell'integrazione e della vicinanza delle culture, ha avvicinato mondi quali l'Oriente e l'Occidente attraverso la canzone" ha risposto l'assessore Taldone.
Mentre l'incontro scivolava verso i saluti, emozionata, ho fatto una domanda all'eclettico compositore: Secondo l'Ecclesiaste "chi aumenta la conoscenza aumenta il dolore", per questo c'è chi elogia la 'beata ignoranza', cosa ne pensa? La sua risposta richiama il dantesco "Fatti non foste per viver come bruti".
Prendere coscienza di se stessi -dice- è un cammino essenziale per l'uomo, il primo passo per crescere spiritualmente. Il grande problema è l'Ego che è attaccato ai beni materiali, attaccato terribilmente come...-il musicista si ferma cercando una similitudine- ed io, che avevo ancora il microfono: qui in Puglia potremmo dire che è attaccato alla materia come la cozza allo scoglio. Così, tra sorrisi e applausi si è chiusa la cerimonia. Franco Battiato ha regalato ai modugnesi un po' di saggezza e ironia ed è andato via accompagnato da tanti clic. Ha autografato anche la poltroncina su cui era seduto, che fine farà quella sedia? Ho la prova fotografica.


loading...