Giovedì, 14 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Rubinetto credito chiuso per Ilva. Allarme sindacati

Le sigle sindacali pugliesi scrivono a Renzi chiedendo di sbloccare gli interventi

Pubblicato in Cronaca il 02/07/2014 da Redazione
Il 12 luglio l’Ilva deve pagare i salari di giugno e non ha i soldi in cassa. Dovrebbe anche offrire le garanzie per una nave di minerale in partenza dal Brasile, ma le banche non coprono la fideiussione. Per poter dare un futuro al centro siderurgico di Taranto bisogna prima sistemare il presente riaprendo subito il rubinetto del credito, impresa delicata. Diversamente, presto avremo solo macerie sociali, industriali, politiche e bancarie. In questo scenario terrificante, i segretari pugliesi di Cgil, (Gianni Forte), Cisl (Giulio Colecchia) e Uil (Aldo Pugliese), sollecitano Renzi a mettere in atto misure previste''Le notizie che in maniera confusa stanno emergendo non sono per nulla tranquillizzanti: addirittura, un noto istituto bancario ha ventilato la chiusura dello stabilimento ionico quale soluzione più conveniente e auspicabile in virtù della condizione disastrosa in cui verte l'Ilva. Qualora ciò accadesse, si tratterebbe di una catastrofe''.Intanto il Commissario Gnudi rassicura che nonostante le difficoltà gli stipendi di luglio saranno pagati nelle scadenze previste e sono confidente di riuscire a pagare i premi di produzione entro il mese di agosto.