Venerdì, 6 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Infiltrazioni mafiose, nel Salento appalti e politici al setaccio

Firmato a Lecce il primo accordo antimafia d'Italia tra Prefettura, Procura ed Enti locali

Pubblicato in Cronaca il 25/02/2014 da Redazione
Al setaccio economia, istituzioni e politici. E' stato firmato ieri a Lecce l'accordo per scoprire attraverso controlli serrati, le infiltrazioni della criminalità, della corruzione e delle organizzazioni mafiose in sistemi che invece dovrebbero essere puliti e specchiati.
"È il segno di un’attenzione straordinaria a quanto si muove sotto il pelo dell’acqua degli ambienti criminali del Salento. Perché le organizzazioni mafiose del Sud della Puglia non sono di serie B, tutt’altro: sono vive, aggressive e puntano agli affari, anche e soprattutto dentro la Pubblica Amministrazione". Queste il commento del Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti dopo la firma dell’accordo “Architettiamo la legalità”, promosso dal prefetto Giuliana Perrotta e che ha riunito intorno allo stesso tavolo non solo la Procura nazionale antimafia, ma anche un’altra autorità nazionale come Emanuela Garroni, il prefetto che gestisce il pon sicurezza.
Per la prima volta in Italia, nel Salento si mettono in comune la banca dati della Prefettura con il database della Procura di Lecce – rappresentata dal Procuratore Capo Cataldo Motta e dal Procuratore generale Giuseppe Vignola – con Enti locali, prima fra tutti la Regione Puglia rappresentata dall’assessora allo Sviluppo Economico Loredana Capone.
L'impegno su cui si lavorerà sarà quello di semplificare e snellire le procedure per le certificazioni antimafia per le imprese che vincono gli appalti, e di controllare minuziosamente la trasparenza di tutti gli amministratori locali eletti e candidati. Nelle prossime ore infatti, i nomi di consiglieri, assessori, rappresentanti politici e perfino dei candidati alle elezioni verranno forniti alla procura di Lecce. La volontà non sarà quella d'invadere la privacy, ma di prevenire l'attività di "scambio" su cui la Sacra Corona Unita negli ultimi tempi è tornata ad essere molto attiva.