Venerdì, 18 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Guai per un finto avvocato di Lecce

Atti giudiziari e sentenze di condanna del tutto fasulli, Pellegrino non è neanche laureato

Pubblicato in Cronaca il 20/09/2014 da Redazione
Spacciandosi per avvocato pur non essendo neanche laureato, raccolse la richiesta di una signora di Trepuzzi di richiedere giudizialmente al Ministero della Sanità un risarcimento del danno causatole da una emotrasfusione infetta nel lontanissimo 1979. Infezione che le aveva determinato una malattia cronica. Si tratta di Angelo Pellegrino, 37enne di Campi Salentina, ma residente a Trepuzzi che dal 2007 alla fine del 2013 Per raggirarla ha quindi prodotto una serie di atti giudiziari, del tutto falsi, a partire ad esempio dall’atto di citazione in giudizio. Nell’agosto del 2012 è addirittura arrivato a produrre una Sentenza di condanna al risarcimento del danno, emessa dal Tribunale di Lecce – I Sezione Civile. Gli atti giudiziari prodotti da Pellegrino sono così abilmente realizzati da essere astrattamente riferibili a giuristi. Come scrive il G.I.P.: “con astuzia e competenza tecnica egli redigeva tanto un atto di citazione che appariva effettivamente plausibile, quanto una sentenza astrattamente ascrivibile ad un giudice”. Dopo la condanna, poi, Pellegrino ha fabbricato otto assegni circolari emessi dalla Banca d’Italia dell’ammontare complessivo di euro 285.000, somma dovuta secondo il dispositivo di condanna dal Ministero della Salute. Per rendere credibile il tutto si è anche inventato un’attestazione di deposito cauzionale in favore dell’assistita, asseritamente prodromico al ritiro delle somme relative al risarcimento del danno, firmata dal “Comandante della Stazione di Roma”. Per concordare l’incasso degli assegni si è anche spacciato al telefono per funzionario della Banca d’Italia. Tutta questa abile pantomima è costata alla malcapitata circa 11.000 euro di “parcelle”. Pellegrino, posto agli arresti domiciliari deve rispondere di di truffa, falso materiale commesso da privato continuato, esercizio abusivo di professione.