Giovedì, 6 Agosto 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Partorisce una bimba, ma a casa torna con un maschietto

Lo scambio è avvenuto nell'ospedale Santa Caterina di Galatina

Pubblicato in Cronaca il 13/01/2014 da Redazione

Altro che depressione post partum. Assurda sorpresa per una coppia di genitori salentini vittime qualche settimana di uno scambio tra neonati. E' accaduto il 10 Dicembre scorso. Al loro rientro a casa, nel cambio del pannolino si sono accorti che al posto della loro bambina avevano portato a casa un maschietto. Contattato l'ospedale, il Santa Caterina di Galatina appunto, l'equivoco è stato risolto e la bimba, che nel frattempo era stata consegnata ad un'altra puerpera, è ritornata tra le braccia dei legittimi genitori. Ma questi ultimi hanno deciso di denunciare la Asl chiedendo un risarcimento di 50mila euro perché in seguito allo shock subito la mamma avrebbe perso il suo latte naturale.

Il direttore generale dell'Asl di Lecce Valdo Mellone, informato dell'accaduto, ha avviato controlli interni e annunciato l'invio del fascicolo all'ufficio provvedimenti disciplinari per l'adozione delle misure del caso.

Dai primi riscontri effettuati, sembra che il bimbo sia stato consegnato alla madre sbagliata dagli addetti del nido per una poppata.  E il neonato, regolarmente munito di braccialetto identificativo, non è tornato al nido per una verifica prima delle dimissioni. 

L'ospedale di Galatina, si trova ad una ventina di chilometri da Lecce, e il suo reparto di ostetricia ospita circa 700 parti all'anno.