Lunedì, 30 Marzo 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Scandalo Big Pharma, la Asl di Lecce preferisce il Lucentis e spende 278.107 euro

La Corte dei Conti indaga su spese incontrollate

Pubblicato in Cronaca Salute il 11/03/2014 da Redazione
Sotto la lente d'ingrandimento della Corte dei Conti la spesa farmaceutica nella Asl di Lecce con i suoi 133.735.502 euro spesi nel 2012. I giudici contabili vogliono capire di più su alcune anomalie riscontrate in cinque categorie di farmaci per cui si registrano dati di consumo e di spesa netta pro capite superiori rispetto alla Puglia ed all’Italia. Si tratta di medicinali cardiovascolari, gastrobetabolici, antimicrobici, respiratori, neurologici, per i quali il boom di prescrizioni è davvero spropositato. In particolare, si registra un incremento dei consumi di statine, di cui si continuano a preferire quelle ad alto costo rispetto alle generiche. Una pratica che anche attraverso il cartello messo in piedi tra le cause multinazionali farmaceutiche Roche e Novartis multate per 180 milioni di euro, ha avuto effetti diretti sulla spesa pubblica anche a Lecce. Solo nel 2013, nel capoluogo salentino sono stati spesi 278.107 euro e nei primi mesi di quest’anno 47.642 euro per l’acquisto del Lucentis, il farmaco per la cura della maculopatia agli occhi pagato a peso d’oro pagato a 900 euro la scatola, che poteva essere sostituito con l’Avastin, il cui prezzo oscilla tra i 15 e gli 80 euro.