Venerdì, 16 Aprile 2021 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Amtab: chiedevano permessi 104 ma i parenti erano morti

I carabinieri hanno chiuso l'inchiesta. Probabili accuse di truffa e furto

Pubblicato in Cronaca il 31/03/2015 da Redazione
Bufera sui dipendenti Amtab. Si è chiusa l’inchiesta sulla presunta truffa orchestrata da alcuni dipendenti dell’azienda di trasporti barese, che avrebbero usufruito della legge 104/92 anche dopo la morte di un parente disabile. La legge permette di assentarsi dal lavoro tre giorni al mese per assistere o accompagnare una persona invalida. Dopo gli accertamenti dei carabinieri sono emersi circa 10 casi sospetti, ovvero dipendenti che hanno continuato ad usufruire della legge non comunicando il decesso del proprio parente all’azienda di trasporti. Dopo le indagini dei carabinieri, la parola passa al sostituto procuratore Francesco Bretone. Molto probabilmente le accuse a carico dei dipendenti saranno truffa e falso. Ciò che ha ancor più insospettito i militari è stata la concentrazione dei permessi nel weekend: i dipendenti non perdevano occasione di accorciare la propria settimana lavorativa. L'azienda che nel caso in questione è parte lesa potrebbe chiedere i danni agli autisti che hanno usufruito di giornate di riposo senza averne diretto. E non è escluso che l'Amtab possa anche decidere azioni disciplinari nei confronti dei dipendenti.
Le indagini all’interno dell’Amtab non sono finite qui. Sono ancora aperti altri due filoni investigativi: uno in cui è coinvolto l’ex presidente Tobia Binetti, accusato di falso in bilancio insieme ai componenti del Cda Giuseppe Vantaggiato; l’altro riguarda le procedure per l'affidamento del servizio di riparazione dei mezzi e ancora la decisione dell'Amtab di ricorrere a proroghe per sei appalti

loading...