Lunedì, 30 Novembre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Barletta, imprenditori nella morsa dei clan: i carabinieri arrestano due persone

I due dovranno rispondere di tentata estorsione. L'operazione è stata eseguita nell'ambito delle indagini partite lo scorso febbraio che portarono all'arresto di 9 persone

Pubblicato in Cronaca il 30/07/2015 da Redazione
Un imprenditore di Cassano delle Murge ed un sorvegliato speciale di 43 anni sono i destinatari di due ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip ed eseguite questa mattina dai Carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo di Bari. I provvedimenti riguardano le indagini partite lo scorso febbraio su un gruppo dedito alle estorsioni agli imprenditori, in particolare ad un imprenditore edile di Bitonto. Il sorvegliato dovrà rispondere anche di violazione degli obblighi della misura cui è sottoposto.
Le indagini hanno evidenziato un grave contesto di intimidazione da parte della criminalità organizzata: oltre ad imporre il pizzo, l’organizzazione era infiltrata nella gestione degli affare delle società per garantire il rispetto di accordi e pagamenti. Talvolta erano gli stessi imprenditori a rivolgersi al clan per ricevere dei finanziamenti durante periodi di difficoltà economica.
I due arrestati sarebbero coinvolti in un episodio preciso: un imprenditore di Barletta, per ottenere il pagamento di alcune fatture di un collega barese, aveva preso contatti con i fratelli Nicola e Raffaele Anemolo, esponenti di spicco dell’omonimo clan che opera nei quartieri di Carrassi e Poggiofranco.