Sabato, 14 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Arrestati nella Bat i forconi che imposero la chiusura dei negozi

Eseguiti 6 arresti e 14 obblighi di dimora. (VIDEO)

Pubblicato in Cronaca il 30/01/2014 da Redazione
Violenza privata e interruzione di pubblico servizio. Con queste accuse sono state eseguite 20 misure cautelari nei confronti di altrettante persone che nel dicembre scorso, partecipando alle proteste indette dal movimento dei “Forconi”, costrinsero alcuni esercizi commerciali alla chiusura. In particolare, si tratta di  sei arresti e 14 obblighi di dimora eseguiti la scorsa notte dai carabinieri di Trani a carico di persone che, nel dicembre scorso, tra Barletta, Molfetta, Bisceglie e Canosa di Puglia, parteciparono alle proteste indette dal movimento dei “Forconi”. Gli indagati sono accusati di aver obbligato imprenditori e commercianti a chiudere le proprie attività, compresi centri commerciali. Tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi ci sono anche alcuni esponenti di Forza Nuova. 

Tra i casi più gravi contestati dalla magistratura tranese, per cui sono stati disposti gli arresti, c'è la manifestazione di protesta che ha riguardato l'ufficio postale di Canosa di Puglia nel quale 6 persone, tra cui i presunti appartenenti al movimento Forza Nuova, fecero irruzione iniziando a minacciare i presenti, strappando le affissioni interne e determinando il malore di una persona anziana.   

Gli altri episodi avvennero a Molfetta, dove furono costretti a chiudere anche alcuni centri commerciali; a Barletta dove subirono la protesta gli ambulanti che avevano allestito le bancarelle in occasione della Festa di Santa Lucia. Per questi fatti, invece, i militari dell'Arma hanno eseguito 14 obblighi di dimora.   

Per episodi analoghi avvenuti a Barletta ed Andria, su disposizione della Procura di Trani, la polizia aveva già eseguito il 17 gennaio scorso,  25 provvedimenti cautelari (7 agli arresti domiciliari e 18 obblighi di dimora).  

I particolari dell'operazione sono stati illustrati dal Procuratore della Repubblica, Carlo Maria Capristo, e del comandante provinciale dei Carabinieri di Bari, col. Rosario Castello.