Domenica, 5 Dicembre 2021 - Ore
Facciamo Notizie

Uccise contrabbandiere da un elicottero: Pietro Antonacci condannato a 15 anni di reclusione

L'ex vicequestore di Brindisi usò una mitraglietta e delle granate per uccidere l'uomo

Pubblicato in Cronaca il 27/02/2015 da Redazione
Condanna a 15 anni e sei mesi di reclusione per l’ex vicequestore vicario di Brindisi, Pietro Antonacci, per aver ucciso nella notte tra il 14 e 15 giugno 1995 il contrabbandiere Vito Ferrarese. È questo il verdetto della Corte di Cassazione, che questa mattina ha confermato la condanna con l’accusa di omicidio volontario. Dopo un lunghissimo iter legislativo, con il processo che si è celebrato due volte in appello e due in Cassazione, è emerso che la notte tra il 14 e 15 giugno Antonacci era sull’elicottero della polizia insieme all’ex questore di Brindisi, Francesco Forleo. L’ex vicequestore uccise Vito Ferrarese con una mitraglietta M12, prelevata abusivamente dal deposito della questura di Brindisi, e non la pistola d’ordinanza. Per fermare il motoscafo furono usate anche delle granate. I familiari della vittima hanno ottenuto il risarcimento del danno in sede civile. Antonacci aveva ricevuto una medaglia d’oro al valor civile proprio per la lotta contro la criminalità organizzata e il contrabbando.

loading...