Giovedì, 25 Febbraio 2021 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Vendevano farmaci antitumorali sul mercato nero: arrestati due baresi

L'organizzazione piazzava i farmaci anche in Europa dell'est

Pubblicato in Cronaca il 25/02/2015 da Redazione
È stata sgominata dai carabinieri su ordine della Procura di Siena, un’organizzazione criminale che rivendeva sul mercato nero costosi farmaci antitumorali. La base operativa era a Bari, dove venivano individuati gli ospedali e i magazzini di farmaci da svaligiare. Poi i farmaci rubati passavano nelle mani di una banda di romeni che, con l’aiuto di un complice napoletano, avevano il compito di piazzare i medicinali sul mercato nero: i farmaci potevano finire in Grecia o Albania, passando dal porto di Ancona, oppure erano rivenduti a cliniche private. Sono finiti in manette due baresi, Onofrio Schingaro di Bitritto, 48 anni e Saverio Magaletti, di Bari, 48 anni, sei romeni e un napoletano. La banda avrebbe svuotato i magazzini delle aziende farmaceutiche di tutta Italia, con due furti realizzati a Bari e uno a Lecce. I sei romeni incaricati di rubare i farmaci venivano avvisati da Schingaro e Magaletti con un fax criptato, in cui c’erano tutte le indicazioni sul magazzino in cui entrare. I carabinieri sono riusciti a intercettare un fax di sei pagine, decifrando però l’ultima pagina che conteneva indicazioni sul tipo di farmaco da rubare e soprattutto su dove trovarlo all’interno di un ospedale senese. Gli inquirenti stanno continuando a indagare, in cerca di altri complici della banda criminale.

loading...