Lunedì, 14 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Infiltrazione criminale nelle aste, sequestrati beni per 500 mila euro ad un piastrellista

Si tratta di due appartamenti, locali e box auto

Pubblicato in Cronaca il 23/09/2014 da Redazione
Immobili complessivi di 500mila euro, di proprieta' di un 58enne di Bitonto sono stati confiscati dalla Dia di Bari, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale. Si tratta di due appartamenti, uno a Bitonto, l'altro a Bisceglie, locali e box auto, riconducibili all'uomo, coinvolto nell'indagine "Capitolo" del 2007, condotta dalla Dia sul fenomeno dell'infiltrazione della criminalita' organizzata nel settore delle aste giudiziarie nella provincia di Bari che porto' all'arresto di 5 persone accusate di associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d'asta ed estorsione, tre delle quali condannate in primo grado. Dopo aver proceduto, lo scorso marzo al sequestro anticipato dei beni al fine di evitarne la dispersione, il Tribunale ha disposto la confisca degli immobili.