Mercoledì, 15 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Gdf sequestra 30mila giocattoli contraffatti al porto di Brindisi. Denunciato un camionista bulgaro

La ditta spagnola, indicata come destinataria delle merci, secondo quanto è emerso dagli incroci con le banche dati dell’IVA comunitaria è risultata inesistente

Pubblicato in Cronaca il 23/01/2016 da Redazione

Nell’ambito dei potenziati servizi di vigilanza doganale operati all’interno del Porto di Brindisi, militari della Guardia di Finanza in forza al Gruppo Brindisi unitamente a funzionari dell’Agenzia delle Dogane, hanno proceduto al controllo di un autoarticolato proveniente dalla Grecia. Il mezzo, che era condotto da un cittadino bulgaro ed era destinato in Spagna, viaggiava carico di n. 290 colli contenenti giocattoli e parti di mobili.

L’esito delle operazioni ispettive permetteva di sequestrare nr. 30.219 giocattoli contraffatti riconducibili a notorie marche di prodotti ludici (Paw Patro, Pokèmon, Super Mario, Minions, Mondo Pocoyo e personaggi Walt Disney). Gli operanti, al termine delle attività di controllo, segnalavano alla competente Procura della Repubblica il conducente del mezzo, V.P.K., cittadino bulgaro di 47 anni, per aver introdotto nello stato prodotti con segni falsi (art. 474 C.P.), ponendo altresì sotto sequestro l’intero carico.

La ditta spagnola, indicata come destinataria delle merci, secondo quanto è emerso dagli incroci con le banche dati dell’IVA comunitaria è risultata inesistente; pertanto, non si esclude che il carico fosse, in realtà, destinato all’immissione in commercio “in nero” sul territorio nazionale. L’attività di servizio conclusa si incardina in un più ampio dispositivo operativo attuato in ambito portuale finalizzato al controllo delle persone e merci in entrata nello Stato italiano.