Mercoledì, 13 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, studentessa scrive a Decaro: 'Insulti discriminatori ricevuti da un controllore dell'Amtab'

L'episodio è accaduto sul diretto 232E. La giovane che ha denunciato l'accaduto è di origini mauriziane

Pubblicato in Cronaca il 22/11/2016 da Redazione

Insulti discriminatori nei confronti di una passeggera di un pullman Amtab. Il protagonista dell’episodio, stando a quanto dichiarato dalla vittima, sarebbe un controllore dell’azienda di trasporti barese. La denuncia è apparsa sulla bacheca Facebook del sindaco Antonio Decaro: “Volevo informarla – scrive la studentessa - di un episodio avvenuto stamattina nel diretto 232E che parte dal San Paolo per arrivare al mio istituto Romanazzi. Tengo a precisare che siccome il diretto era pieno di studenti, per non perdere il posto, invece di obliterare il biglietto, l'ho girato e compilato con l'ora e la data.  Arrivati al largo Due Giugno, alle 7:45 sono saliti i controllori. Uno di essi si è avvicinato a me e alle mie amiche e ci ha chiesto i biglietti. Una volta consegnato il mio, il controllore ha iniziato a rivolgersi in un modo brusco nei miei confronti.  Siccome ho mia madre di origini mauriziane, ho una carnagione simile a quella della mia mamma. Non so che cosa abbia pensato, ma ha iniziato a dirmi frasi e parole discriminatorie e offensive nei miei confronti, solo perché ho compilato il biglietto al posto di timbrarlo. Mi sono sentita anche minacciata perché  oltre a alle parolacce, mi ha detto che domani mattina si presenterà di nuovo e se io non timbrerò di nuovo il biglietto, mi farà passare i guai oltre ad una multa”.

Secondo la giovane il controllore avrebbe detto frasi del tipo “io non ho un piercing al naso, non sono un marocchino che puoi prendermi in giro".

“Arrivata a scuola – ha continuato la ragazza -  ho pianto per tutta la mattinata. Perché mi sono sentita umiliata davanti a tutti, perché l'ha fatto? Ho la pelle nera? Le chiedo di prendere seri provvedimenti su questo caso”. Inoltre, ci tengo ad informarla che mio padre, dopo aver saputo tutto ciò, si è recato alla sede centrale dell'AMTAB, e mancava il responsabile area, il direttore e il presidente. Perciò non hanno preso in mano la situazione. Ci sentiamo offesi e le chiediamo che si possano prendere provvedimenti disciplinari per questo signore "controllore". Confidiamo in lei e spero che ci possa far sapere al più presto dei suoi provvedimenti”.

Lo staff del sindaco ha risposto che riporterà la segnalazione all’Amtab e che si accerterà che “siano effettuate le dovute verifiche”.