Domenica, 18 Novembre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, uccide un uomo e porta la moglie sul luogo del delitto per giustificare il ritardo: pm riapre indagini

Domenico Velluto uccise Rocco Sciannimanico il 14 febbraio 2001. La sua ex moglie ha raccontato l'episodio ai carabinieri

Pubblicato in Cronaca il 22/10/2015 da Redazione
Mostrò alla moglie il luogo dove poco prima aveva ucciso un uomo per convincerla che non aveva fatto ritardo perché era in compagnia dell’amante. Le dichiarazioni della donna hanno permesso di riaprire le indagini dell’omicidio di Rocco Sciannimanico dopo 14 anni. Il 26enne barese fu ucciso la sera del 14 febbraio 2011. Unico imputato, il 50enne barese Domenico Velluto, ritenuto vicino al clan Parisi.
Il pm Roberto Rossi ha ereditato il fascicolo, precedentemente archiviato per mancanza di prove a carico del sospettato, e adesso Velluto dovrà presentarsi davanti al gup del Tribunale di Bari per l’udienza preliminare. L’ex moglie del pregiudicato ha raccontato agli inquirenti che la sera di San Valentino aspettò per ben due ore il marito sotto casa. L’uomo informò sua moglie dell’omicidio, portandola anche sul luogo del delitto. “C’era ancora sull’asfalto il disegno della sagoma del cadavere e i poliziotti a fare rilievi”, ha raccontato la donna. Poi i due andarono in pizzeria e Velluto si comportava “come se niente fosse”. Due collaboratori di giustizia hanno confermato la versione dell’ex moglie del presunto killer.

loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet