Mercoledì, 29 Gennaio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Xylella, chi non abbatte gli ulivi infetti rischia fino a cinque anni di carcere

E' quanto prevede un emendamento del decreto Semplificazioni

Pubblicato in Cronaca il 22/01/2019 da Redazione

Carcere da uno a cinque anni per chi non distrugge le piante affette dal batterio della Xylella Fastidiosa. È quanto prevede un emendamento del decreto Semplificazioni.

Le misure fitosanitarie ufficiali anti-Xylella, o comunque derivanti da provvedimenti di emergenza fitosanitaria, “ivi compresa la distruzione delle piante e dei prodotti delle piante contaminate”, dovranno essere attuate “in deroga ad ogni disposizione vigente, nei limiti e secondo i criteri indicati nel decreto di emergenza fitosanitaria” e nella normativa Ue.

Il pugno duro utilizzato dal governo servirà a evitare proteste, ritardi e altre problematiche in grado di far slittare l’abbattimento degli alberi infetti.