Venerdì, 30 Ottobre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Beppe Grillo contro la Tap in Puglia, attacca tutti

'Vogliamo il referendum, è la cittadinanza che deve decidere se fare un tubo'

Pubblicato in Cronaca Ambiente il 21/09/2014 da Redazione
Un'opera di fantascienza, è così che Beppe Grillo, ieri, ha definito il progetto del gasdotto transadriatico. Beppe Grillo ha marciato in Salento, a San Foca con i suoi parlamentari e i comitati anti-Tap. Un progetto calato dall'alto", accusano i grillini in una nota, che "minaccia il turismo e le bellezze del Salento", tra le mete turistiche più gettonate.''Il Salento svetta fra le destinazioni turistiche preferite in Italia - denuncia la senatrice Barbara Lezzi, oggi alle 16 con altri colleghi impegnata in una marcia-manifestazione contro il Tap tra San Foca e Melendugno che culminerà con un intervento dal palco di Grillo - e la Puglia si rimbocca le maniche per sviluppare strategie e politiche di promozione turistica. Ma tutto questo sarà inutile a causa di un grande progetto calato dall'alto, il gasdotto Tap ( Trans­Adriatic Pipeline) che, senza concertazione sul territorio, minaccia gravemente la bellezza e l'economia di questo luoghi''. ''Percorreremo a piedi otto chilometri lungo il tracciato del Tap, tra i 1.900 ulivi, anche secolari, che saranno divelti -prosegue Lezzi - fino ad arrivare nei pressi dei dolmen Placa e Gurgulante, dove sarà realizzata la centrale di depressurizzazione, fra tre centri densamente abitati in provincia di Lecce: Melendugno, Calimera e Vernole. Che questi luoghi non siano adatti ad accogliere un simile progetto lo direbbe il buon senso - sottolinea la senatrice del Movimento 5 Stelle - e ci si chiede con quali criteri sia stato scelto un simile tratto di mare se non quelli degli interessi esterni intorno all'approvvigionamento di gas, minacciano il futuro di queste terre e dei suoi abitanti''.