Venerdì, 20 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Virus Ebola, scatta la prevenzione in Puglia

Pubblicato in Cronaca il 21/08/2014 da Redazione
Continua a far paura in tutto il mondo il virus Ebola 2014 che in pochissime settimane in Africa ha già causato 1350 morti. Una situazione davvero drammatica che giorno dopo giorno alimenta la paura in tutto il mondo, sebbene fino a questo momento in Europa non siano stati registrati nuovi casi sospetti di Ebola. L'allerta, però, è alta e nelle ultime ore si è tornato a parlare anche del rischio di contagio nel nostro Paese, in particolare in Puglia, dove sono scattati i piani di prevenzione. È operativo in tutto il territorio della provincia di Taranto il primo protocollo specifico «per il trattamento preventivo di un eventuale contagio da virus Ebola. Le linee guida dettate dal direttore del dipartimento di emergenza e servizio di emergenza territoriale della Asl, Mario Balzanelli, sono state trasmesse alle postazioni fisse e mobili del 118, al direttore generale Fabrizio Scattaglia e al direttore sanitario della Asl di Taranto, Maria Leone. Il piano fissa i comportamenti a cui si dovranno conformare i sanitari anche nei casi di sospetta infezione. Il protocollo è stato scritto soprattutto per la gestione dei profughi provenienti dall’Africa che presentino sintomi ben precisi e prevede l’uso, oltre alla maschera, gli infermieri, medici e soccorritori dovranno inforcare gli occhiali paraschizzi, indossare camice monouso, sovrascarpe e doppi guanti in lattice. I sintomi da tenere d’occhio sono «la febbre, cefalea, dolori acuti muscolari e articolari, diarrea profusa, vomito massimo, eruzioni cutanee eritematose, dispnea, faringite, sanguinamenti spontanei, abrasioni cutanee e ferite». Il piano, inoltre, vieta qualsiasi contatto non protetto «con fluidi corporei dei pazienti», compresa la saliva, il sudore, le lacrime «o qualunque indumento posto a contatto diretto con gli stessi». Il codice comportamentale consigliato dal direttore Balzanelli riguarda anche il percorso ospedaliero e l’isolamento dei sospetti infetti. «I pazienti con segni e sintomi richiedenti, ad una prima valutazione clinica, il ricovero ospedaliero presso reparto specialistico dedicato», dovranno essere dirottati all’ospedale Moscati di Taranto. Mentre i casi che necessitano di isolamento o quarantena dovranno essere trasportati direttamente all’ospedale della Marina Militare della città jonica.
Oltre all’adozione del protocollo, la direzione del dipartimento di emergenza territoriale ha richiesto con massima urgenza alla farmacia dei presidi ospedalieri l’acquisto di «indumenti ad elevata protezione da minaccia biologica resistenti a penetrazione virale e batterica e alla penetrazione di particelle biologicamente contaminate».

loading...