Giovedì, 28 Maggio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Brindisi, auto rubate e rivendute come usate: 12 arresti, sequestrati 25 veicoli

I membri dell'organizzazione, dopo aver rubato le auto, si recavano in Germania o in Belgio al fine di procurarsi i documenti relativi a veicoli regolarmente immatricolati all’estero al fine di trasferirne l’identità formale su quelli di provenienza illecita.

Pubblicato in Cronaca il 21/05/2020 da Redazione

Questa mattina, i Finanzieri del Comando Provinciale di Brindisi, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari, nei confronti di 12 indagati (di cui 6 in carcere e 6 ai domiciliari), nelle province di Brindisi, Foggia, Taranto e Milano.

Le indagini hanno disvelato l’esistenza di un’associazione a delinquere, operante su Ceglie Messapica, dedita alla vendita di autovetture usate di provenienza furtiva, la maggior parte delle quali rubate nel Nord Italia.

Gli indagati compivano direttamente i furti di auto e si recavano periodicamente in Germania o in Belgio al fine di procurarsi i documenti relativi a veicoli regolarmente immatricolati all’estero al fine di trasferirne l’identità formale su quelli di provenienza illecita. Utilizzando “targhe prova”, trasferivano le auto in provincia di Foggia, per la modifica dei codici telaio presso una carrozzeria connivente e  ricodificavano le centraline elettroniche, fabbricando le nuove chiavi. Le auto venivano così vendute attraverso un autosalone di Ceglie Messapica.

Durante il periodo delle investigazioni sono stati sequestrati 4 veicoli aventi numeri di telaio “ribattuti” ed associati a falsi documenti di circolazione.

I finanzieri hanno sequestrato circa 80mila euro e 25 veicoli venduti.