Venerdì, 14 Maggio 2021 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il governo autorizza la ricerca di petrolio nel mare pugliese: protestano i comuni

La Global Petroleum Limited (Gpl) potrà cercare giacimenti di idrocarburi (petrolio ma anche gas) in un'area marina di 745 chilometri quadrati, da Vieste fino a Brindisi

Pubblicato in Cronaca il 19/10/2016 da Redazione

Il governo italiano autorizza una società australiana alla ricerca di petrolio nel mare pugliese. Grazie al decreto di Valutazione di impatto ambientale (Via) del ministero dell'Ambiente, la Global Petroleum Limited (Gpl) potrà cercare giacimenti di idrocarburi (petrolio ma anche gas) in un'area marina di 745 chilometri quadrati, da Vieste fino a Brindisi.
La società utilizzerà tecniche “2D con air gun e 3D", ovvero tramite bolle d'aria che comprimono l'acqua e il fondale marino. Entrambe sarebbero potenzialmente pericolose per l'ambiente, secondo enti e cittadini che hanno inoltrato le osservazioni al ministero dell'Ambiente.
Dura la presa di posizione della Regione ma anche delle Province di Bari e Brindisi, dei Comuni - da Molfetta a Giovinazzo, passando per Fasano, Monopoli e Polignano a Mare - del Comitato Bonifica Molfetta e del Coordinamento No Triv Terra di Bari, della Federazione regionale dei Verdi e dell'associazione Biologi ambientalisti pugliesi. Tutti hanno espresso parere sfavorevole alla ricerca di idrocarburi e chiesto il rigetto del progetto, evidenziando il rischio che tali attività danneggino l'ecosistema marino, con particolare riferimento ai cetacei che risulterebbero la specie più esposta ai pericoli dell'air gun.




loading...