Mercoledì, 11 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Cerignola, autorimessa trasformata in una centrale di riciclaggio: tre arresti

Gli agenti della polizia hanno deciso di perquisire il capannone dopo aver notato un pregiudicato a bordo di un'auto rubata

Pubblicato in Cronaca il 19/09/2019 da Redazione

 Gli agenti della Polizia di Cerignola, nell'ambito di mirati controlli volti al contrasto dei reati contro in patrimonio e, in specie, i furti di autovetture, hanno tratto in arresto per il reato di riciclaggio due soggetti italiani, classi 61 e 89 con precedenti specifici ed un soggetto bulgaro, classe 78, incensurato.

Gli investigatori della Squadra Mobile, avvalendosi del sistema Mercurio, che offre una risposta in tempo reale alle interrogazioni in banca dati, notavano un noto pregiudicato per reati contro il patrimonio a bordo di una Fiat 500 L che, dai sistemi citati, risultava denunciata per sottrazione a Troia ad inizio mese.

L'esperienza investigativa portava subito gli operanti a sospettare che il soggetto a bordo dell'auto rubata stesse cercando di "piazzarla" sul mercato illecito. Tale intuizione si rilevava più che fondata in quanto, dal successivo servizio di osservazione e pedinamento, si appurava che la 500 L faceva ingresso in autorimessa sulla Via Ofantina di Cerignola, seguita, a breve distanza, da un Volkswagen Polo guidata da una donna.

Valutata l'opportunità di effettuare un controllo nell'autorimessa e predisposto il dispositivo di rinforzo in funzione di chiusura delle vie di fuga, gli operatori facevano ingresso nell'area. La scena che nell'immediato si presentava alla vista degli investigatori confermava tutti i sospetti: tutti i presenti, infatti, alla voce "polizia", si davano celermente alla fuga, tra cui, in particolare, i due operai che erano già intenti nell'operazione di "taglio" della Fiat 500 L, ma venivano tutti prontamente bloccati.

L'attività di ispezione dell'autovettura, nonché la perquisizione dell'intera area davano contezza di una vera e propria centrale di riciclaggio. Da un lato, l'autovettura si presentava già con il pannello e la targa posteriori rimossi - atti tipicamente prodromici all'intento di occultamento della provenienza illecita del bene; dall'altro lato, disseminati per l'intera area venivano rinvenuti 12 pezzi tra centraline, cambi e propulsori, alcuni con la matricola dolosamente abrasa.

Alla luce del quadro probatorio emerso il pregiudicato che aveva portato la 500 L all'autorimessa ed i due operai che erano stati colti nella flagranza degli atti volti a "ripulire" il provento di furto venivano tratti in arresto per il reato di riciclaggio.