Mercoledì, 23 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bufera Calcioscommesse: arrestati allenatore del Barletta e presidente del Brindisi

La Dia di Catanzaro ha scoperto un sistema comandato dalla ‘Ndrangheta che coinvolgeva più di 10 squadre tra serie D e Lega Pro

Pubblicato in Cronaca Sport il 19/05/2015 da Redazione
Uno scenario agghiacciante quello che è apparso durante le indagini della Direzione Antimafia Distrettuale di Catanzaro: molte partite del campionato di Lega Pro sarebbero state truccate. A finire nell’occhio del ciclone soprattutto il mondo del pallone pugliese. Tra le 50 persone finite in manetta ci sarebbero Antonio e Giorgio Flora, presidente e vicepresidente del Brindisi, Vito Morisco e Savino Daleno, rispettivamente direttore generale e consulente di mercato della formazione brindisina. Ma non finisce qui: anche l’allenatore del Barletta calcio, Ninni Corda, è stato arrestato per aver concordato a tavolino il risultato di Barletta – Catanzaro, Aversa Normanna – Barletta e Barletta – Vigor Lamezia. Tra le società coinvolte ci sarebbero anche Pro Patria, L’Aquila, Neapolis Mugnano, Torres, Vigor Lametia, Sant’Arcangelo, Sorrento, Montalto, Puteolana, Akragas, San Severo. L’inchiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro, diretta dal Procuratore Antonino Lombardi e dagli uomini dello Sco (Servizio Centrale Operativo della Polizia ), ha mostrato come la ‘Ndrangheta sia entrata nel mondo del calcio, arricchendosi con le scommesse piazzate sui risultati delle partite già truccate.