Sabato, 6 Giugno 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Presentato il progetto di modifica del nodo ferroviario di Bari

Previsti collegamenti più veloci con Napoli e Roma e l'abbandono della linea ferroviaria sul mare

Pubblicato in Cronaca Sviluppo il 19/03/2015 da Giuseppe Bellino
È stato presentato questa mattina, presso la sala riunioni del Palazzo della Regione in via Gentile, il progetto di modificadel nodo ferroviario di Bari. Alla presenza del Presidente della Regione, Nichi Vendola, del sindaco di Bari, Antonio Decaro e del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Luca Lotti, l’ingegnere Marco Triglia ha illustrato il progetto che prevede il potenziamento dell’asse ferroviario di collegamento tra il Tirreno e l’Adriatico. Lo scopo principale delle modifiche sarà quello di avvicinare notevolmente l’asse Roma-Napoli-Bari. L’itinerario Napoli-Bari favorirà lo sviluppo socio economico del Mezzogiorno creando una rete di servizi tra le città e le aree urbane. I tempi di percorrenza delle tratte Napoli-Bari e Roma-Bari si accorceranno di quasi un’ora. Ma le modifiche principali sono previste per la linea ferroviaria che attraversa il capoluogo pugliese. La linea di Ferrovie dello Stato che si affaccia sul mare verrà abbandonata per far spazio ad una interna. Saranno costruite due stazioni metropolitane: la prima in prossimità del Campus universitario, la seconda invece smisterà le varie linee e si chiamerà ‘Executive’. La linea si protrarrà fino alla stazione di Triggiano per poi riprendere il suo percorso verso Brindisi. Riguardo i tempi delle modifiche, l’apertura delle buste e l’aggiudicazione dei lavori sono fissati per il 30 aprile prossimo. I lavori dovrebbero iniziare orientativamente a gennaio 2016, anche se è prevista la realizzazione di opere ‘anticipate’ che partiranno il prossimo ottobre. È previsto l’utilizzo di circa 328 unità lavorative per tutta la durata del progetto. Per il sindaco Decaro il ponte dell’asse nordsud ha anche una valenza architettonica, oltre a quella urbanistica che permetterà di far defluire più rapidamente il traffico della città. Decaro ha definito le modifiche del nodo ferroviario barese “un sogno più concreto”. Il presidente Vendola ha sottolineato la sinergia presente tra Regione Puglia e Stato italiano riguardo le problematiche del territorio, concetto ripreso anche dal sottosegretario Lotti che ha dichiarato: “Quando il Governo e la Regione Puglia lavorano insieme, si possono realizzare grandi cose”.