Domenica, 21 Luglio 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Derivati: 15 indagati a Trani, c'è anche l'ex ministro Corrado Passera

Avrebbero venduto prodotti finanziari senza informazioni

Pubblicato in Cronaca il 19/01/2014 da Redazione

Truffa pluriaggravata e continuata. Con questa accusa la Procura di Trani ha contestato a 15 tra ex manager e funzionari di Banca Intesa-San Paolo di aver venduto a un imprenditore di Barletta - tra il 2004 e il 2008 - prodotti derivati senza informarlo dei rischi cui sarebbe andato incontro. Tra gli indagati ci sono l’ex ad della banca, Corrado Passera, ex ministro per l’Economia e le Infrastrutture (governo Monti); Giovanni Bazoli, ex presidente del cda; Enrico Salza, ex presidente del consiglio di gestione; Giampio Bracchi, ex vicepresidente, e Giovanni Gorno Tempini, ex ad di Banca Caboto, la banca finanziaria del gruppo che ha ingegnerizzato i prodotti derivati. Secondo il pm Michele Ruggiero, le banche si affidano ad organi interni (come in questo caso Banca Caboto, poi diventata Banca Imi) o esterni per studiare prodotti a copertura di finanziamenti. Si tratterebbe però "strumenti finanziari aventi funzione di copertura del rischio di variazione del tasso di interesse", ma "sempre sbilanciata in favore della banca".

Indagati anche Giandomenico Nardozzi Tonielli, Andrea Munari, Massimo Arrighetti, Giulio Sartirana, Fabio Bolognini, Carlo Berselli e Matteo Farina; più tre funzionari della filiale di Barletta (Salvatore Civita, Vincenzo Petrarulo e Giovanni Civico) che rispondono anche concorso in abusivismo finanziario continuato.La vicenda di Barletta è quella di un piccolo imprenditore che aveva chiesto un finanziamento a tasso variabile da 700mila euro da estinguere in quindici anni con rate trimestrali. Per coprirlo però, sarebbe stato indotto a sottoscrivere dei contratti derivati Interest rate swap, poi rinegoziati. Alla fine, il guadagno per la banca sarebbe stato di 41.410 euro, con perdite di 105.684 euro per il cliente che avrebbe firmato tre contratti per "operatori qualificati", che poi non sono risultati così attendibili nella realtà. 



loading...