Martedì, 23 Luglio 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Strage di Palagiano: Giovanni Di Napoli ordinò l'omicidio per punire l'amante della sua donna

Oltre al motivo amoroso, spunta anche un conflitto tra i due all'interno del clan 'Putignano'

Pubblicato in Cronaca il 16/03/2015 da Redazione
Giovanni Di Napoli, pluripregiudicato di 60 anni, fu il mandante della strage di Palagiano, il 17 marzo 2014. L’omicidio fu ordinato per punire Mimmo Orlando, che aveva una relazione con Carla Maria Fornari, madre del piccolo Domenico. Da quanto è emerso dalle indagini, la donna aveva avuto una relazione con Di Napoli quando era minorenne. La storia però sarebbe andata avanti con il passare del tempo. I carabinieri hanno individuato circa 2500 telefonate tra Fornari e Di Napoli, con una media di 20 chiamate al giorno. “Questo- ha sottolineato il procuratore- è indicativo di un rapporto che non fosse semplice amicizia”. La donna era sicuramente un bersaglio dell’agguato, anche perché suo marito Domenico Petruzzelli era stato ucciso nel 2011. Nel processo erano stati condannati i responsabili e la donna aveva fornito indicazioni sull’identità degli assassini. Tuttavia l’omicidio del piccolo Domenico, figlio di Maria Fornari, sarebbe stato un errore. I killer infatti spararono su Cosimo Orlando, che teneva il bambino in braccio. Oltre al motivo strettamente personale, Di Napoli avrebbe ordinato l’omicidio di Orlando anche per motivi legati all’organizzazione criminale di cui facevano entrambi parte: “i due facevano riferimento allo stesso clan, quello dei Putignano, attivo nell'area occidentale di Taranto, spiega il procuratore. “Di Napoli aveva una posizione sovraordinata e Orlando più volte si era lamentato anche pubblicamente che l'organizzazione durante la sua detenzione in carcere non gli aveva garantito adeguata assistenza finanziaria". Il giorno prima dell’agguato, Orlando avrebbe danneggiato una Bmw del Di Napoli. A tradire Il 60enne mandante della strage alcune intercettazioni telefoniche e ambientali, nelle quali Di Napoli raccontava ad una ragazza di aver ordinato l’omicidio di Orlando e della sua compagna.

loading...