Sabato, 20 Luglio 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Ex Caserma Rossani liberata: pericolo di crolli, arrivata ordinanza di Emiliano

Interviene De Caro, convocata per questo pomeriggio una nuova assemblea pubblica

Pubblicato in Cronaca il 16/02/2014 da Redazione
Mentre decine di uomini e donne continuano a firmare l'appello affinché possa continuare il percorso culturale e sociale della ex Caserma Rossani liberata, ieri pomeriggio sulle porte della struttura è stata affissa una ordinanza firmata dal sindaco Michele Emiliano (vd foto).
"E' la conseguenza - scrivono gli attivisti sulla bacheca Facebook di Villa Roth occupata - di una breve passeggiata mattutina di un tecnico comunale che, a quanto pare, risulta essere stata un'attenta perizia dalla quale risultano pericolanti tutti gli stabili della Rossani, anche quelli non visitati affatto".
"Ad esempio per la perizia - continua il post/denuncia - dopo 24 anni le tegole dell'edificio che si affacciano su via Giulio Petroni risultano essere improvvisamente instabili. E pare possano crollare solo dal lato di interesse politico, senza curarsi del supposto pericolo del lato del marciapiede pubblico. Questo è un evidente primo passo, burocratico, verso la chiusura di una zona appena liberata, restituita alla città".
"Riempire lo spazio con gli stessi e più contenuti, persone ed attività - concludono gli attivisti - è quello che possiamo fare affinchè la distanza tra le istituzioni e la
città sia sempre più evidente e le nostre volontà più forti".
Il comunicato si conclude con un appello a continuare ad esserci rivolto a coloro che hanno attraversato lo spazio in questi giorni rendendolo vitale. 
Nella prima mattinata, sempre attraverso Facebook, il candidato alle primarie del centrosinistra ha fatto sapere che: "Domani farò una richiesta al Sindaco, chiederò di non fare nessuna ordinanza di sgombero. Chiederò di affidare ai ragazzi l'attività di recupero di quegli spazi. Perché la Caserma Rossani deve diventare un luogo vissuto e partecipato e devono essere i cittadini a decidere insieme come riempire quegli spazi".
Oggi pomeriggio è convocata una nuova assemblea pubblica alle 17 per discutere di quanto può accadere nelle prossime ore.


loading...