Sabato, 14 Dicembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Taranto, ArcelorMittal annuncia: 'Altiforni spenti entro il 15 gennaio'

Si parte il 13 dicembre con la chiusura dell'Afo2, a fine dicembre toccherà all'Afo 4 e il 15 gennaio all'Afo 1, il più grande altoforno d'Europa

Pubblicato in Cronaca il 15/11/2019 da Redazione

Il Ministero dello Sviluppo Economico convoca azienda e sindacati (come da procedura ex 47) nel tentativo di aprire un canale di confronto istituzionale con un'azienda che finora sembra evitare il Governo in campo aperto. Per tutta risposta ArcelorMittal canta il de profundis dell'Ilva comunicando ai sindacati le date di spegnimento degli altiforni, il 13 dicembre si spegne l'Afo2, a fine dicembre l'Afo 4 e il 15 gennaio l'Afo 1, il più grande altoforno d'Europa. L'azienda è tecnicamente tenuta a partecipare all'incontro al Mise dove ci saranno anche i leader di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo; per ArcelorMittal dovrebbe esserci l'amministratrice delegata Lucia Morselli. L'annuncio dello spegnimento degli altiforni non e' una novità: era già stato comunicato il 5 novembre nella lettera ai sindacati che ha aperto la procedura di recessione all'Amministrazione Straordinaria (cioè allo Stato) di asset e lavoratori dell'ex Ilva. Ma in questi 10 giorni tutta l'attenzione era (e lo è ancora) rivolta allo scudo penale che in molti - sindacati compresi - chiedono di ripristinare. Il Governo continua a ripetere che ArcelorMittal non ha il diritto di spegnere gli Altiforni e minaccia risarcimenti miliardari. Lo dicono i sindacati per voce di Rocco Palombella: "ArcelorMittal non può fermare gli impianti perché sono di proprietà dello Stato" (in realtà fanno ancora capo all'Amministrazione Straordinaria cioè ai creditori dell'ex Ilva). Il governatore della Puglia Michele Emiliano ha buona voce nel mandare a dire ai Mittal che "spegnere gli altoforni equivale distruggerli" che questo gli costerà "risarcimenti di dimensioni devastanti" e che per lui le mosse di Morselli sono "tutto un bluff".