Lunedì, 18 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Coltivava marijuana a Lama San Giorgio. Muratore in manette

Ad attirare l'attenzione del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Bari per il monitoraggio dall'alto, strani movimenti lungo le stradine

Pubblicato in Cronaca il 14/06/2014 da Redazione
Coltivava una piantagione di marijuana, in un'area demaniale della "Lama San Giorgio" internata e non visibile dalle strade della zona. È la scoperta fatta a Triggiano dai Carabinieri. In manette un insospettabile muratore 46enne del luogo con l\'accusa di coltivazione e produzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari, nel corso di predisposti servizi antidroga effettuati in collaborazione con il Nucleo Elicotteri Carabinieri di Bari per il monitoraggio dall'alto, hanno notato strani movimenti lungo le stradine che costeggiano la contrada "Lame", zona impervia e ricca di vegetazione. In mezzo ad un canneto hanno quindi scoperto 160 piantine di Marijuana dell'altezza di 1,5 mt collocate in un punto difficilmente visibile e alimentate da un impianto di irrigazione composto da vari tubi in plastica collegati fra loro da fascette e adattatori. Dopo qualche ora di appostamento, è arrivata l\'auto con a bordo il 46enne, incensurato, che subito ha attivato l'impianto irriguo. Immediato l\'intervento dei Carabinieri ha consentito di bloccare e trarre in arresto l'uomo che non ha saputo fornire alcuna giustificazione in merito alla vicenda. La perquisizione dell'autovettura ha consentito di sequestrare altro materiale per l\'irrigazione, 180 germogli di marijuana pronti per essere trapiantati e conservati in un cartone di polistirolo e una pompa idraulica. Sul balcone della sua abitazione è stata trovata un\'altra piantina di marijuana alta 40 centimetri circa coltivata in un vaso. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, l\'uomo è stato associato presso la casa circondariale di Bari.