Mercoledì, 20 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Altamura, Carabinieri scoprono mercato della droga: 300mila dosi di marijuana al giorno

Quattro persone in manette, sequestrate 160 piante per un totale di 45 kg

Pubblicato in Cronaca il 13/06/2015 da Redazione
I carabinieri del nucleo di Bari hanno arrestato quattro persone, di cui tre rappresentanti di un gruppo emergente facente capo al 32enne Pietro Antonio Nuzzi. Gli altri finiti in manette sono il 22enne Francesco Zazzera, il 35enne Angelantonio Nuzzi e un 33enne incensurato finito ai domiciliari. I quattro sono accusati di aver coltivato marijuana in ingente quantitativo per la produzione di oltre 300mila dosi medie giornaliere, oltre che di detenzione e porto illegale di armi allo scopo di garantirsi il predominio sul territorio. Le indagini sono partite da un blitz del 4 ottobre quando i militari trovarono in una masseria ad Altamura circa 160 piante di marijuana lasciate ad essiccare, per un totale di 45 kg. Le piante facevano parte di una piantagione gestita dal 33enne Pietro Antonio Nuzzi. Il clan, dopo il furto di 20 piante dalla piantagione, aveva pensato bene di anticipare i tempi e asportare le rimanenti piante, anticipando i ladri. Per questo motivo le piante sono state portate nella masseria con un furgone cassonato e sono state disposte al sole. Particolare rilevante è la portata del traffico di stupefacenti che il sodalizio gestiva con possibilità da parte loro di definire anche il prezzo di vendita stabilito a tre euro. Di fronte alla richiesta di uno dei luogotenenti del Nuzzi di abbassare il prezzo poiché ritenuto non economicamente vantaggioso il capo manifesta la volontà di affidare la vendita della droga ad altri “ragazzi” per cinque o sei euro.
Il provvedimento è stato notificato ai fratelli Nuzzi presso la casa circondariale di Foggia e allo Zazzera presso la casa circondariale di Taranto mentre il 33enne è stato collocato ai domiciliari.