Martedì, 24 Novembre 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Emergenza abitativa a Bari, si pensa all'utilizzo dei beni confiscati alla mafia per far fronte a situazioni di disagio

"Massima priorità su questo fronte"

Pubblicato in Cronaca il 12/03/2015 da Redazione
Si è svolta questa mattina una riunione del comitato sull’emergenza abitativa, presieduto dal vicesindaco e assessore al Patrimonio Vincenzo Brandi, per fare il punto della situazione sulla ricognizione degli immobili disponibili per sanare situazioni di forte disagio emerse negli ultimi giorni.
“Stiamo procedendo con la ricognizione degli immobili confiscati alla mafia da mettere a disposizione dei cittadini in emergenza abitativa – dichiara l’assessore Brandi al termine della riunione -. Per alcuni di questi immobili abbiamo già richiesto sopralluogo e preventivo per i piccoli interventi di manutenzione necessari ad ospitare le famiglie. In particolare oggi abbiamo esaminato la situazione di 6 nuclei familiari in condizioni di grave emergenza per cui abbiamo richiesto ai Municipi di erogare un contributo straordinario che permetta loro di versare alcune quote dei canoni di locazione pendenti e conservare l’abitazione per qualche mese ancora. Questo tempo ci servirà per sistemare alcuni immobili disponibili e procedere con le altre soluzioni che stiamo vagliando. In questo momento per l’amministrazione, l’emergenza abitativa è un tema che ha la massima priorità e per il quale stiamo chiedendo lo sforzo e l’impegno di tutti. Nei prossimi giorni si insedierà il tavolo tecnico composto da ARCA, Regione Puglia e Comune per procedere all'apertura delle buste contenenti le offerte inoltrate dai privati per l'acquisto, da parte di ARCA Puglia, di alloggi da destinare alle locazioni con canone calmierato”.