Giovedì, 9 Luglio 2020 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Pirateria informatica: arresti in mezza Italia, anche in Puglia

Coinvolti imprenditori e i vertici di importanti società

Pubblicato in Cronaca il 10/04/2014 da Redazione
La Guardia di Finanza sta eseguendo 16 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip di Napoli e centinaia di perquisizioni in diverse regioni italiane al termine di un'indagine sui clan camorristici che gestivano le attività di pirateria audiovisiva nel capoluogo campano ed il rifornimento di cd e dvd pirata nelle principali città italiane.
L'inchiesta vede coinvolti imprenditori e i vertici di importanti società. Arresti e perquisizioni in Toscana, Lombardia, Lazio, Campania e Puglia.
Oltre agli arresti e alle perquisizioni, in Toscana, Lombardia, Lazio, Campania e Puglia, i finanzieri hanno anche sequestrato 164 conti correnti, 126 tra obbligazioni, fondi d’investimento, titoli e cassette di sicurezza, 56 auto e moto di lusso, uno yacht e 71 immobili e terreni. Sequestrati anche 23 milioni di cd e dvd vergini. L'organizzazione, secondo quanto hanno accertato le indagini dei finanzieri, si sarebbe avvalsa di una fitta rete di intermediari e della partecipazione consapevole dei vertici della filiale italiana di una società leader nella produzione di hard disk, cd e dvd che venivano importati in Italia evadendo completamente le tasse grazie ad una falsa triangolazione tramite società situate in paradisi fiscali o in altri paesi dell’Unione Europea. Le indagini sono state svolte in collaborazione con il servizio antipirateria della Siae.